Il dotto di Wirsung non viene visualizzato sul significato

Il ruolo del pancreas è insolitamente grande. Questo organo di secrezione esterna (esocrina) ed interna (endocrina) è coinvolto nel processo digestivo e nella regolazione del metabolismo lipidico, dei carboidrati e delle proteine ​​nel corpo. Problemi nel lavoro del corpo influenzano lo stato del dotto di Wirsung. L'infiammazione acuta della ghiandola è espressa dalla sua espansione e nella pancreatite cronica si osserva la sua espansione, in alternanza con aree di stenosi (restringimento). Con le malattie della ghiandola nel dotto escretore, si verificano cambiamenti che vengono rilevati utilizzando moderni metodi diagnostici.

Cos'è?

Il dotto di Wirsung del pancreas scorre nel dotto biliare comune, e quindi più avanti nell'intestino. La sua funzione fisiologica è di fornire secrezioni pancreatiche al sistema digestivo. La struttura del condotto ripete la struttura della ghiandola. Inizia alla coda di un organo, passando attraverso l'intero corpo direttamente alla sua testa, ha una lunghezza di venti centimetri e un diametro di quattro millimetri nella regione centrale.

Il succo digestivo è prodotto nel pancreas. Entra attraverso il sistema ramificato di canali nel condotto di Wirsung, partecipando ai processi di digestione del cibo. Una secrezione pancreatica è regolata da uno speciale muscolo liscio. Le malattie della ghiandola portano alla ridotta produzione di succo o all'azione di questo sul tessuto degli organi. Di conseguenza, il ferro si infiamma, il condotto cambia diametro e la digestione è significativamente compromessa. Questo sistema prende il nome da Johann Georg Wirsung, un anatomista tedesco che lo scoprì. Passiamo ora ai fattori che influenzano l'espansione del dotto di Wirsung.

Pancreatite

Da un punto di vista clinico, la pancreatite (un processo infiammatorio del pancreas) può verificarsi in forma acuta o cronica. La causa della malattia potrebbe essere la cessazione del flusso di succo prodotto dal corpo nel duodeno a causa dell'ostruzione del dotto. Con un'infiammazione prolungata, gli enzimi ghiandolari iniziano a digerire le proprie cellule. La causa dell'infiammazione può anche essere un danno alla ghiandola a causa del suo edema..

La pancreatite acuta è spesso causata dalla presenza di calcoli biliari che bloccano i dotti o dall'alcolismo, che provoca l'ostruzione dei piccoli dotti dell'organo.

Le principali cause di questa patologia

Le cause della patologia coincidono principalmente con le cause dello sviluppo della pancreatite e di altre lesioni pancreatiche. Poiché è possibile determinare le cause del processo infiammatorio di questo organo solo nel settanta percento di tutti i casi clinici, a volte la natura del cambiamento patologico rimane un mistero. Le ragioni dell'espansione del dotto di Wirsung dovrebbero essere determinate da un medico.

I fattori che provocano un'espansione anormale del canale sono:

  • Operazioni chirurgiche sui dotti biliari e sullo stomaco.
  • Malattia intestinale insieme a danno addominale traumatico.
  • Consumo umano regolare di alcol.
  • L'effetto di alcuni farmaci sotto forma di antibiotici e di estrogeni.
  • Impatto sulle malattie infettive.
  • La comparsa di disturbi ormonali.

In alcune situazioni, l'espansione anormale del diametro del dotto è spiegata da una predisposizione genetica, vale a dire lo sviluppo della pancreatite ereditaria, che porta a cambiamenti nel tessuto e negli organi concomitanti.

Norma

Quando esegue un'ecografia, il medico esamina il pancreas con un sensore speciale e sullo schermo appare un'immagine in base alla quale è possibile giudicare le sue condizioni. Esistono diversi indicatori per determinare le norme e le patologie nella struttura dell'organo.

  1. In una persona sana, il corpo del pancreas ha una struttura omogenea (sono ammesse inclusioni minori di non più di 3 mm), contorni chiari e uniformi, situati al centro rispetto alla colonna vertebrale esattamente sotto lo stomaco.
  2. La luminosità e l'intensità dell'immagine sul monitor dipendono dall'ecogenicità dell'organo, ovvero dalla capacità dei suoi tessuti di riflettere le onde sonore - normalmente l'ecogenicità del pancreas è la stessa di quella della milza e del fegato.
  3. L'organo sull'ecografia deve essere ben visualizzato, in modo che il medico possa determinare la dimensione di tutte le sue parti. La larghezza del corpo in assenza di patologie è di 21-25 mm, la testa è di 32-35 mm, la coda è di 30-35 mm.

Per valutare i grandi vasi che si trovano vicino al pancreas e fornire sangue, viene eseguita un'ulteriore scansione duplex dell'organo. L'interpretazione dei risultati diagnostici viene effettuata tenendo conto di tutti gli indicatori e viene eseguita esclusivamente dal medico curante.

Con pancreatite, processi tumorali e altre malattie del pancreas, i contorni dell'organo diventano sfocati, irregolari, aumenta di dimensioni e l'ecogenicità aumenta in modo significativo o, al contrario, diminuisce. A volte si osservano cambiamenti in tutto l'organo e talvolta nei suoi singoli segmenti.

Qual è la norma per un'ecografia del dotto di Wirsung?

Per chiarire la malattia, tutte le informazioni che vengono annotate durante un esame ecografico, i medici confrontano con i numeri standard. Con una significativa differenza di valori, vengono tratte conclusioni sulla presenza della presunta malattia. Nei pazienti adulti, la dimensione del dotto di Wirsung è normale come segue: lunghezza da 14 a 23, larghezza 9 e spessore 3 centimetri. Successivamente, capiremo quali sintomi sono accompagnati dalla deviazione in questione..

Sintomi di patologia

Il sintomo principale dello sviluppo della patologia è una violazione dei processi digestivi. La pancreatite può causare espansione insieme al restringimento del dotto di Wirsung. Questa immagine è chiamata dagli specialisti una sindrome di una catena di laghi. I contorni del canale diventano irregolari, nel loro lume ci sono inclusioni solide, che sono calcificazioni o pietre. Ulteriori sintomi della malattia sono:

  • La comparsa di un forte dolore nell'ipocondrio (il fatto è che il dolore, di regola, non si ferma con antispasmodici e analgesici).
  • Il verificarsi di diarrea e feci molli.
  • L'inizio di nausea, vomito e perdita di peso.
  • Una diminuzione dell'appetito insieme a segni specifici che indicano un'espansione persistente del dotto ghiandolare.

decrittazione

Quali sintomi ecografici può rilevare un medico durante l'esame del pancreas? Decifrare un'ecografia del pancreas richiede una comprensione dei seguenti termini e sintomi.

Il sintomo del "piccolo pancreas" è descritto con una diminuzione uniforme delle dimensioni dell'organo, ma in assenza di una clinica di qualsiasi patologia della ghiandola. Molto spesso caratteristico dei pazienti anziani con "invecchiamento" della ghiandola.

Sintomo del pancreas lobato - caratteristico della sostituzione del tessuto normale della ghiandola con grasso (lipomatosi). La lipomatosi a ultrasuoni è caratterizzata da una maggiore ecogenicità (in questo caso, la ghiandola sembra più leggera sull'apparecchiatura)

Sintomo di ingrossamento diffuso del pancreas - rilevato con infiammazione del pancreas. È caratterizzato da un aumento delle dimensioni e un quadro variegato a causa di aree di infiammazione e compattazione. Un cambiamento diffuso nel pancreas è un'occasione per iniziare urgentemente ulteriori analisi ed esami.

Un grande tumore della testa della ghiandola con una leggera espansione del dotto di Wirsung - rilevato con infiammazione della testa della ghiandola, con cancro e pseudocisti.

Il sintomo dell '"elemento di fissaggio" è descritto in caso di espansione irregolare del dotto pancreatico principale e compattazione delle sue pareti. Succede con pancreatite cronica o pseudocisti.

Sintomo di ispessimento locale del pancreas corporeo - caratteristica delle fasi iniziali dello sviluppo del tumore nell'area della testa della ghiandola.

Sintomo di un ingrossamento (focale) irregolare del pancreas - tipico della pancreatite, formazioni volumetriche, a volte può verificarsi normalmente in assenza di qualsiasi malattia.

Sintomo di atrofia della coda del pancreas - rilevata con un tumore a sviluppo lento della testa del pancreas.

Se il medico, nel concludere il protocollo di studio, ha scritto della presenza di cambiamenti diffusi nel pancreas, allora ha rivelato deviazioni dalla norma nelle sue dimensioni su o giù e cambiamenti strutturali. Allo stesso tempo, la struttura diventa chiazzata, si alternano aree scure e chiare..

Ulteriore diagnosi deve essere effettuata sotto la supervisione di un medico esperto..

Diagnosi della malattia del pancreas

Le moderne tecniche diagnostiche consentono di rilevare una variazione minima del diametro del condotto di Wirsung. Grazie a loro, viene valutata anche la condizione del pancreas. Una tecnica particolarmente informativa e indicativa per la diagnosi della salute è l'uso della pancreatocholangiography retrograda endoscopica.

Questa specifica tecnica di ricerca consente di determinare il diametro insieme allo stato funzionale dei dotti del pancreas e dei dotti biliari. Durante la procedura, il condotto viene riempito con mezzo di contrasto (a causa del suo ingresso attraverso l'endoscopio), quindi l'osservazione viene effettuata mediante l'uso di un apparato a raggi X.

Altri metodi

Altri metodi diagnostici includono:

  • Esame ecografico della regione addominale (es. Ecografia).
  • TAC.
  • Presentazione di test di laboratorio generali su sangue, urina, feci per valutare lo stato funzionale dell'apparato digerente e dell'intero organismo.

Una conversazione preliminare con il paziente viene eseguita anche come parte dell'appuntamento iniziale con un gastroenterologo, durante il quale viene fatta una storia dettagliata, scoprendo i dettagli dei sintomi.

Pancreolithiasis

La pancreatolitiasi è una condizione patologica caratterizzata dalla formazione di calcoli nel dotto di Wirsung della ghiandola o dei suoi rami. I segni della malattia sono dolori spasmodici nella zona epigastrica, che si irradiano nella regione lombare.

La presenza di calcoli, prevenendo il deflusso del succo pancreatico, porta a disturbi digestivi. Con tale ristagno da ultrasuoni, viene rivelato che il dotto di Wirsung viene espanso e le pareti dei piccoli condotti vengono dilatate.

Tuttavia, vale la pena ricordare che il quadro ecografico non fornisce informazioni complete per la diagnosi. È necessario condurre ulteriori esami. Poiché spesso quando si rilevano modificazioni diffuse del pancreas o del fegato, ad esempio, il dotto di Wirsung non viene visualizzato. Altri metodi diagnostici aiutano a studiarlo in modo più dettagliato..

Trattamento

L'assistenza terapeutica per l'espansione del dotto di Wirsung può coincidere con il trattamento della patologia primaria, cioè la pancreatite. Quando il pancreas diventa normale, tutti i suoi dotti si stabilizzano..

La pancreatite acuta viene trattata con una dieta a digiuno, farmaci e analgesici. Inoltre, i contagocce sono prescritti per iniettare soluzione salina e colloidale e farmaci che inibiscono l'attività enzimatica. In alcuni casi, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico sotto forma di rimozione di calcoli (cioè calcoli) e resezione dell'area infiammata della ghiandola.

La pancreatite cronica, che provoca una costante espansione del dotto di Wirsung, viene trattata con l'integrazione dietetica e anche con la terapia vitaminica, il consumo di antidolorifici prescritti dal medico e la terapia sostitutiva enzimatica. Una dieta sullo sfondo dell'espansione del dotto comporta l'introduzione di severe restrizioni nel menu di cibi grassi e carboidrati veloci. È preferibile mangiare carne dietetica e carboidrati lenti..

Formazione

Non è necessaria una preparazione preliminare per l'ecografia del pancreas e del fegato, tuttavia l'esame è facilitato se il paziente viene a stomaco vuoto. Si raccomanda di rifiutare il cibo entro 9-12 ore prima dello studio.

In circa il 30% dei casi, lo studio è difficile a causa della flatulenza, quindi si consiglia di tenere sotto controllo la dieta ed escludere verdure, frutta, pane integrale, latticini, fagioli dalla dieta un paio di giorni prima di visitare il medico. Puoi usare un decotto di semi di aneto o menta e farmaci che riducono la formazione di gas.

Se il paziente ha lo scopo di esaminare il dotto di Wirsung, dovrebbe essere visitato dopo la colazione.

Qual è il trattamento medico di questa patologia??

Come parte del trattamento della pancreatite, il medico può prescrivere i seguenti farmaci:

  • L'uso del calcio.
  • Trattamento con farmaci coleretici.
  • Terapia ormonale.
  • L'uso di droghe con effetti sedativi.
  • L'uso di complessi di metaboliti.
  • L'uso di droghe con effetti avvolgenti.

Il trattamento delle forme croniche di pancreatite include l'uso di complessi vitaminici, nonché farmaci coleretici ed enzimatici sotto forma di "Creonte", "Festale", "Digestale" e "Pancitrato". Se c'è un malfunzionamento nell'intestino, possono essere prescritti farmaci sotto forma di "Cisapride" e "Domperidone".

Prevenzione delle disfunzioni degli organi

Per proteggerti da tutti i tipi di malattie associate a una violazione dell'attività del dotto di Wirsung, devi:

  • Sbarazzati completamente di tutte le cattive abitudini.
  • La preferenza è data agli alimenti a basso contenuto di zuccheri, grassi, sale e colesterolo.
  • È necessario aderire a una dieta variata, che conterrà un gran numero di verdure fresche, prodotti a base di cereali e frutta..
  • Devi bere circa due litri di acqua al giorno.
  • Periodicamente è necessario organizzare giorni di digiuno per te.
  • È molto importante praticare qualsiasi sport.
  • È sempre necessario riposare completamente (cioè dormire almeno otto ore al giorno) ed evitare situazioni stressanti.
  • È necessario trattare tempestivamente le malattie infettive e virali.
  • In autunno e in inverno, assicurati di assumere vitamine complesse.

Lo stato normale del dotto è di grande importanza per molti processi che si verificano nel corpo umano. Nel caso in cui i parametri del canale si discostassero dalla norma, può verificarsi un numero enorme di patologie croniche o acute. Pertanto, è necessario monitorare la salute, sostenendo in ogni modo possibile il normale funzionamento di tutti gli organi interni.

Procedura ad ultrasuoni

L'esame ecografico del pancreas nell'85% dei casi consente di ottenere un'immagine completa dell'organo, nel restante 15% solo parziale. È particolarmente importante durante questo esame stabilire lo schema esatto dei suoi dotti, poiché è in essi che si verificano più spesso processi patologici.

In una persona sana, la testa del pancreas si trova sempre direttamente sotto il lobo epatico destro, e il corpo e la coda sono sotto lo stomaco e il lobo epatico sinistro. La coda di un'ecografia è particolarmente chiaramente visibile sopra il rene sinistro e nelle immediate vicinanze della porta della milza.

La testa della ghiandola sulle scansioni è sempre visibile sotto forma di una grande formazione eco-negativa, che si trova sul lato destro della colonna vertebrale. La vena cava inferiore passa dietro la testa e la vena mesenterica superiore si estende dalle parti anteriore e sinistra. È su di esso che si dovrebbe essere guidati quando si cerca la testa dell'organo durante l'esame ecografico.

Inoltre, determinando la posizione della testa, è possibile utilizzare l'arteria mesenterica, nonché la vena splenica e l'aorta come linea guida. I vasi sanguigni sono indicatori affidabili della posizione dell'organo, in quanto si avvicinano sempre ad esso.

Quando si esamina una scansione pancreatica, è importante ricordare che solo la testa si trova a destra della colonna vertebrale, il resto, vale a dire il corpo e la coda, si trova sul lato sinistro della cavità addominale. L'estremità della coda è sempre leggermente sollevata..

Durante un esame ecografico, la testa del pancreas di solito ha una forma arrotondata o ovale e il corpo e la coda sono cilindrici allungati di circa la stessa larghezza. La cosa più difficile con questo metodo di ricerca è vedere il dotto pancreatico, che può essere studiato solo in 30 casi su 100. Il suo diametro normalmente non supera 1 mm.

Se il pancreas è parzialmente schermato, molto probabilmente questo è causato da un accumulo di gas nella cavità addominale. Quindi l'ombra del gas accumulato nel lume del duodeno può chiudere parzialmente o completamente la testa dell'organo e quindi complicare significativamente il suo esame.

Inoltre, il gas può accumularsi nello stomaco o nel colon, a causa del quale la coda del pancreas viene spesso visualizzata durante un'ecografia. In questo caso, l'esame dovrebbe essere rinviato a un altro giorno e preparato con più attenzione..

Quindi, prima degli ultrasuoni, non è consigliabile utilizzare prodotti che contribuiscono ad aumentare la formazione di gas, vale a dire:

  • Legumi (fagioli, piselli, fagioli, soia, lenticchie);
  • Tutte le varietà di cavolo;
  • Verdure ricche di fibre: ravanello, rapa, ravanello, lattuga;
  • Pane di segale e cereali integrali;
  • Porridge da tutti i tipi di cereali, oltre al riso;
  • Frutta: pere, mele, uva, prugne, pesche;
  • Acqua frizzante e bevande;
  • Latticini: latte, kefir, ricotta, yogurt, latte fermentato, panna acida, gelato.

La struttura e le funzioni del pancreas sono descritte nel video in questo articolo..

Indica il tuo zucchero o seleziona il genere per i consigli

Indica l'età dell'uomo

Indica l'età della donna

Di norma, un esame ecografico non richiede una preparazione speciale da parte del paziente, ma il pancreas si trova anatomicamente vicino agli organi cavi (stomaco, intestino), quindi i risultati diagnostici possono distorcere l'aria che ha ottenuto da lì. Al fine di inesattezze durante un'ecografia del pancreas, il paziente deve prepararsi adeguatamente per la procedura.

Lo studio viene fatto meglio al mattino - in questo momento, gli indicatori saranno i più informativi. Entro 12 ore prima della diagnosi, si raccomanda di rifiutare l'assunzione di cibo e per diversi giorni di escludere l'uso di bevande gassate, muffin, pane fresco, legumi e altri prodotti che possono causare formazione di gas. Se viene eseguita una ecografia senza preparazione preliminare, l'accuratezza dei risultati può diminuire del 40%..

Pancreas

Pancreas (pancreas) - una ghiandola del sistema digestivo con funzioni esocrine ed endocrine.

Anatomia e istologia

Il pancreas si trova retroperitoneale a livello delle vertebre lombari I - II, ha l'aspetto di un cordone appiattito, gradualmente affusolato, in cui ci sono tre dipartimenti: la testa, il corpo e la coda (Fig. 1). La testa è la parte più larga dell'organo (3-7,5 cm); si trova a destra della colonna vertebrale nella curva interna del duodeno (duodeno). Il corpo di P. Zh., Largo 2-5 cm, è posto nella parte anteriore e un po 'a sinistra della colonna vertebrale, ha una superficie posteriore, anteriore e inferiore. La coda - la parte più stretta della ghiandola (0,3-3,4 cm) - raggiunge le porte della milza. Di spessore P. dalla coda alla testa passa il dotto del pancreas, che, fondendosi con il dotto biliare comune (meno spesso in modo indipendente), penetra nella parete del duodeno e si apre in cima alla grande papilla del duodeno (capezzolo di Vater). A volte si trova il condotto accessorio di P. f., Che scorre anche nel duodeno. Dietro la testa P. la vena cava inferiore, l'inizio della vena porta, l'arteria renale destra e la vena, il dotto biliare comune si trovano, la parte addominale dell'aorta, i linfonodi, la parte del plesso celiaco si trovano lungo il corpo, la vena splenica corre lungo il corpo, la parte del rene sinistro si trova dietro la coda, l'arteria renale e la vena renale ghiandola surrenale sinistra. Lo stomaco si trova di fronte, separato da P. w. borsa per ripieno.

Rifornimento di sangue alla testa P. w. viene effettuato dalle arterie pancreatoduodenali anteriori e posteriori (rami dell'arteria epatica comune) e dall'arteria pancreatoduodenale inferiore che emana dall'arteria mesenterica superiore, il corpo e la coda - dai rami pancreatici dell'arteria splenica. Il deflusso venoso si verifica attraverso le vene gastriche splenica, mesenterica superiore e inferiore, che sono afflussi della vena porta. La linfa fluisce nei linfonodi pancreatoduodenali, pancreatici, pilorici e lombari.

Innervata P. f. nervi dal plesso splenico, epatico, mesenterico e celiaco superiore, nonché i rami del nervo vago.

Il pancreas è coperto da una sottile capsula di tessuto connettivo, da cui il setto separa l'organo in lobuli, con vasi, nervi e dotti escretori interlobulari situati in essi. La maggior parte dei P., che svolgono una funzione esocrina, sono rappresentati dai dipartimenti di secrezione terminale (acini del pancreas) e dal sistema di dotti escretori. L'acino pancreatico (la struttura di base del lobulo) è costituito da 8-12 cellule acuminose coniche (cellule pancreatiche esocrine) strettamente adiacenti l'una all'altra, rivolte verso l'esterno con la base (adagiata su una comune membrana basale) e con i suoi vertici verso il centro (Fig. 2, 3). Le cellule pancreatiche hanno una struttura caratteristica per le cellule che sintetizzano attivamente la secrezione proteica: un'abbondanza di elementi del reticolo endoplasmatico granulare, un complesso di Golgi ben sviluppato e granuli zimogenici (secretori) in diverse fasi della maturazione. All'esterno, gli acini del pancreas sono circondati da un sottile strato di tessuto connettivo allentato, in cui ci sono capillari sanguigni, fibre nervose e piccoli gruppi di neuroni (gangli).

Il sistema dei dotti escretori inizia dagli acini del pancreas con i dotti intercalari, fondendosi in intralobulari, quindi in interlobulari, fluendo nel dotto pancreatico. All'aumentare del diametro dei dotti, cambia anche la struttura della loro parete: un epitelio squamoso a singolo strato che riveste il lume dei dotti inseriti passa nel cubo in intralobulare e prismatico nel dotto interlobulare e principale, tra le cellule epiteliali di queste ultime cellule caliciformi - ghiandole esocrine unicellulari, appaiono e crescono in numero. cellule endocrine, la parete si ispessisce, si forma la membrana mucosa. Tali cambiamenti sono associati alla partecipazione attiva dei dotti alla formazione di secrezioni e alla regolazione endocrina locale della funzione.

La parte endocrina è rappresentata da isolotti pancreatici (isolotti di Langerhans) situati tra gli acini pancreatici e separati da essi da uno strato di tessuto connettivo appena distinguibile. Le isole pancreatiche con un diametro di circa 0,3 mm sono per lo più di forma rotonda, il numero di isole aumenta da capo a coda, il loro numero totale è di circa 1 milione e sono formati da cinque tipi di endocrinociti (Fig. 4): le cellule α (10-30%) producono glucagone, cellule β (60-80%) - insulina, δ- e δ1- cellule (5-10%) - somatostatina e un peptide vasointestinale (VIP), cellule PP (2-5%) - polipeptide pancreatico. Le cellule β si trovano principalmente nella zona centrale dell'isolotto, α, δ, δ1- e cellule PP lungo la sua periferia (quest'ultima anche tra acini del pancreas e cellule epiteliali del dotto). Un tipo speciale di cellule è stato trovato anche nelle cellule pancreas - acino-isolette (miste o di transizione) che contemporaneamente producono granuli e ormoni zimogenici: si trovano principalmente vicino alle isole pancreatiche.

La funzione di P. esocrino (esocrino o escretore). consiste nella secrezione nel duodeno di succo contenente una serie di enzimi che idrolizzano tutti i principali gruppi di polimeri alimentari, i principali dei quali sono lipasi, α-amilasi, tripsina e chimotripsina. La secrezione di componenti inorganici e organici del succo pancreatico si verifica in diversi elementi strutturali di P. g. Sintesi e secrezione dei componenti organici della secrezione (proenzimi, enzimi, alcuni composti peptidici) sono realizzati in cellule acinose, che costituiscono fino al 90% del peso totale di P. I principali enzimi del succo pancreatico vengono secreti in forma inattiva (tripsinogeno, chimotripsinogeno) e si attivano solo nel duodeno, trasformandosi sotto l'azione dell'enterokinasi in tripsina e chimotripsina. Il volume di secrezione di cellule acuminose è piccolo e la quantità di succo pancreatico è determinata principalmente dalla secrezione delle cellule dei dotti, in cui viene prodotta la parte liquida della secrezione, la sua composizione ionica e la quantità cambiano a causa del riassorbimento e dello scambio ionico.

Esistono tre fasi della secrezione del succo pancreatico: riflesso complesso, gastrico e intestinale. La complessa fase riflessa si verifica sotto l'influenza di stimoli riflessi condizionati (tipo e odore del cibo) e riflessi incondizionati (masticazione e deglutizione); la secrezione di succo pancreatico inizia 1-2 minuti dopo un pasto. L'irritazione dei nuclei delle regioni ipotalamiche anteriori e intermedie stimola la secrezione, mentre quella posteriore inibisce la sua secrezione. La secrezione del succo pancreatico nella fase gastrica, quando lo stomaco si allunga quando è pieno di cibo, è associata all'influenza del nervo vago, così come all'azione della gastrina secreta dallo stomaco. La fase principale della secrezione del succo pancreatico è quella intestinale: ha una natura umorale e dipende dal rilascio di due ormoni intestinali: la secretina e la colecistochinina (pancreosimina). Secretina - un ormone peptidico secreto dagli endocrinociti della mucosa dell'intestino tenue superiore sotto l'influenza dell'acido cloridrico dello stomaco, stimola la secrezione di una grande quantità di bicarbonato saturo e contenente una piccola quantità di cloruro ed enzimi di succo pancreatico. Inoltre, garantisce la creazione di un ambiente neutro, necessario per l'attivazione degli enzimi pancreatici. Colecistochinina - un ormone polipeptidico dell'intestino tenue superiore, stimola la secrezione del succo pancreatico, ricco di enzimi digestivi e impoverito in bicarbonati.

Sulla funzione secretoria di P. f. ormoni della tiroide e delle ghiandole paratiroidi, influenza delle ghiandole surrenali. Gli stimolanti della secrezione pancreatica includono sostanze come dopamina, sali di calcio e magnesio, acidi grassi, grassi, proteine, ecc.; inibitori - calcitonina, vasopressina, adrenalina, noradrenalina, ecc. Il digiuno porta a una diminuzione del volume del succo e della concentrazione di enzimi in esso, il cibo stimola la rimozione del succo. A lesioni organiche di P. parenchyma. (ad esempio, a causa della germinazione diffusa da parte del suo tumore, durante l'ostruzione del dotto pancreatico, l'aplasia congenita o la rimozione chirurgica dell'organo), si nota una significativa riduzione della secrezione del succo fino alla sua completa cessazione (achilia pancreatica).

Endocrino (incretorio) funzione di P. consiste nella produzione di un numero di ormoni polipeptidici che entrano nel flusso sanguigno; è effettuato da gabbie di isole pancreatiche. Il significato fisiologico dell'insulina è di regolare il metabolismo dei carboidrati (metabolismo dei carboidrati) e mantenere il livello richiesto di glucosio nel sangue riducendolo. Il glucagone ha l'effetto opposto. Il suo principale ruolo fisiologico è la regolazione della glicemia aumentandola; inoltre, influenza i processi metabolici nel corpo. La somatostatina inibisce il rilascio di gastrina, insulina e glucagone, la secrezione di acido cloridrico da parte dello stomaco e l'assunzione di ioni calcio nelle cellule delle isole pancreatiche. Il polipeptide pancreatico, di cui oltre il 90% è prodotto da cellule pancreatiche PP e dalla parte esocrina di P. g., È un antagonista della colecistochinina.

L'esame del paziente comprende l'analisi dei reclami e dei dati anamnestici, l'esame del paziente, gli studi di laboratorio e strumentali. La lamentela più comune è il dolore addominale, la cui localizzazione predominante dipende dalla sconfitta dell'una o dell'altra parte di P. f. Il dolore situato a destra sopra l'ombelico e nell'ipocondrio destro indica un danno alla testa dell'organo, il dolore nella regione epigastrica indica un danno al corpo della ghiandola, il dolore nell'ipocondrio sinistro indica un danno alla coda del pancreas. per sconfiggere l'intero organo. Il dolore si verifica o si intensifica dopo aver mangiato, spesso irradiandosi nella metà sinistra del torace, nella scapola sinistra e nella schiena. Può essere accompagnato da nausea, vomito e altri disturbi dispeptici, nonché da manifestazioni di insufficienza escretoria (perdita di peso, diarrea, steatorrea) e increzione (sintomi di iperglicemia).

Dei dati anamnestici, il valore più diagnostico sono le informazioni sull'abuso di alcol, le malattie del tratto biliare, l'ulcera peptica, l'iperparatiroidismo, le infezioni virali, in particolare l'epatite virale acuta e la parotite.

Quando si esamina un paziente, si dovrebbe prestare attenzione al suo aspetto, al colore della pelle e delle mucose. Una significativa perdita di peso corporeo e ittero sono le più caratteristiche del cancro alla testa di P. e pancreatite sclerosante cronica. Atrofia del tessuto sottocutaneo della parete addominale anteriore nell'area della proiezione di P. f. (Sintomo di Grott) e la comparsa di microaneurismi (Fig. 5) sotto forma di eruzioni cutanee rosso vivo sulla pelle dell'addome, del torace e della schiena (sintomo di Tuzhilin) ​​possono indicare pancreatite cronica. Nella pancreatite acuta si possono osservare noduli sottocutanei, di dimensioni fino a 3 cm, a volte dolorosi, simili a eritema nodoso, colore della pelle marrone nell'ombelico, cianosi o marmorizzazione della pelle delle estremità, petecchie sui glutei.

La palpazione della ghiandola viene eseguita lungo il suo asse, che corrisponde a una linea orizzontale tracciata 2-3 cm sopra la grande curvatura dello stomaco (4-5 cm sopra l'ombelico), dopo aver posizionato il rullo o il pugno della mano sinistra sotto la parte bassa della schiena del paziente. È preferita la palpazione bimanuale, in cui le punte delle dita piegate a metà vengono introdotte gradualmente nella cavità addominale, attentamente durante l'espirazione profonda. P. normale f. non palpabile e la palpazione profonda non provoca dolore. P. f. Modificato può essere palpato sotto forma di una dolorosa patatina o formazione elastica (con edema) o di un cordone denso leggermente doloroso (con fibrosi). A volte è possibile palpare una formazione tumorale. Il dolore alla palpazione di solito si irradia alla schiena. Il dolore aumenta con il corpo inclinato in avanti. Per la palpazione di singole parti della ghiandola, vengono utilizzati i punti di riferimento sulla parete addominale anteriore. Quindi, con una lesione della testa, viene rilevato dolore locale nel punto di Desjardins, che si trova a 5-7 cm sopra l'ombelico lungo la linea che collega l'ombelico alla parte superiore dell'ascella (Fig. 6a) o nella più ampia zona di Schoffar, situata tra la linea sopra, perpendicolare, abbassato dal punto di Desjardins alla linea mediana e alla linea mediana (Fig. 6, b). Quando la coda della ghiandola è danneggiata, si osserva dolore nel punto Mayo-Robson, corrispondente al bordo del terzo medio ed esterno della linea che collega l'ombelico al centro dell'arco costale sinistro (Fig. 6, c). La presenza di un focus patologico può anche essere indicata dal dolore quando si tocca un bordo della palma nella regione lombare a sinistra o nella cavità ascellare sinistra lungo l'asse del pancreas.

Per differenziazione dei dolori causati dalla sconfitta dell'oggetto. e un colon trasverso, usano un sintomo di rotazione: dolore associato a P. g. e causato dalla palpazione nella posizione del paziente sulla schiena, diminuisce quando lo si gira a sinistra; l'intensità del dolore associata alla patologia del colon trasverso non cambia. Una tecnica simile viene utilizzata nella diagnosi differenziale delle malattie di P. e ulcera peptica (il dolore causato dall'ulcera peptica, quando si gira a destra, si intensifica, con la sconfitta di P. La loro diminuzione è caratteristica).

La palpazione può anche rilevare la scomparsa della pulsazione dell'aorta addominale, che a volte viene osservata con pancreatite acuta (sintomo di Voskresensky), tensione della parete addominale anteriore nell'area della proiezione della ghiandola (sintomo di Kerte).

I metodi di ricerca di laboratorio comprendono lo studio degli enzimi pancreatici (tripsina, lipasi, α-amilasi, desossiribonucleasi, fosfolipasi A, elastasi) nel siero del sangue; enzimi pancreatici nel contenuto duodenale e nel sangue usando stimolanti della secrezione; lo studio dell'α-amilasi nelle urine, la tripsina e la chimotripsina nelle feci; Test di Lund; Test PABK. Metodi indiretti volti a rilevare una violazione della digestione e dell'assorbimento dei nutrienti nell'intestino a causa della produzione insufficiente degli enzimi di P. Comprendono la misurazione della massa, l'esame macroscopico, microscopico e biochimico delle feci, la determinazione quantitativa del grasso in esso..

Il più diffuso nella clinica a causa della disponibilità del metodo è stata la determinazione dell'α-amilasi nel sangue e nelle urine. Dei metodi esistenti per determinare l'α-amilasi, il più razionale è il metodo Karavei, basato sul fatto che l'α-amilasi idrolizza l'amido con la formazione di prodotti finali che non danno una reazione di colore con iodio. Il tasso di diminuzione della concentrazione di amido viene utilizzato per giudicare l'attività dell'α-amilasi, i cui valori normali nel siero del sangue sono 12–32 mg / (h ml), nelle urine fino a 120 mg / (h ml). L'attività sierica dell'α-amilasi dipende dal grado di danno alle cellule della parte esocrina di P. g., Ostruzione dei dotti pancreatici, velocità di distruzione dell'α-amilasi, clearance renale. Tuttavia, un aumento dell'attività di questo enzima non è specifico per la sconfitta di P. e può anche essere osservato con perforazione o penetrazione di ulcere allo stomaco e duodenali, ostruzione intestinale, parotite, salpingite e rottura della tuba di Falloppio, insufficienza renale, chetoacidosi diabetica, con l'uso di stupefacenti. A causa del fatto che l'iperamilasemia sierica può essere dovuta a una diminuzione della capacità di filtraggio dei reni nell'insufficienza renale, è consigliabile determinare simultaneamente la α-amilasi urinaria e il rapporto di clearance dell'α-amilasi (Ce) alla clearance della creatinina (Ccon) L'aumento del coefficiente Ce/CONcon caratteristica della pancreatite acuta. Nell'insufficienza renale, questo coefficiente rimane all'interno dell'intervallo normale (1: 4), perché in questo caso, si verifica una riduzione parallela della clearance dell'α-amilasi e della creatinina. Nella pancreatite acuta, si osserva un aumento dell'attività dell'α-amilasi sia nel siero del sangue che nelle urine e nell'insufficienza renale, un aumento di questo indicatore si nota solo nel siero. Nella pancreatite acuta e nell'esacerbazione della pancreatite cronica senza danno renale, un aumento dell'attività dell'α-amilasi nelle urine è più pronunciato rispetto al siero; persiste per 8-10 giorni dall'esordio della pancreatite acuta, quando l'indicatore di attività di questo enzima nel siero del sangue si normalizza (dopo 2-4 giorni).

Il livello di attività della lipasi nel siero del sangue aumenta notevolmente nella pancreatite acuta e supera la norma di 0-28 μmol / (min L), a volte più di 100 volte, e rimane ad un livello elevato rispetto al livello di attività dell'α-amilasi per un periodo più lungo ( 10-12 giorni). L'aumento dell'attività della lipasi sierica è anche non specifico per la sconfitta di P. e può essere osservato con perforazione di ulcera allo stomaco o ulcera duodenale, ostruzione intestinale, colecistite acuta, epatite virale e cirrosi. Per determinare l'attività della lipasi, l'olio di oliva viene utilizzato come substrato. L'attività dell'enzima è proporzionale alla quantità di acidi grassi formati durante l'idrolisi.

La determinazione di tripsina e altre proteasi pancreatiche ha un valore diagnostico limitato, come il sangue contiene numerosi enzimi proteolitici in grado di idrolizzare i substrati sintetici utilizzati per determinare la tripsina e il siero, inoltre, contiene una quantità significativa di inibitore della tripsina. La clinica utilizza più spesso il metodo Erlanger nella modifica di Shaternikov, che si basa sull'azione della tripsina su un substrato sintetico - N, α-benzoil-α-, 1-arginina - p-nitroanilide; l'intensità del colore giallo della soluzione, valutare l'attività dell'enzima, che è normale nella norma per il siero di sangue 60-120 mmol / (h ml).

Lo studio dei contenuti duodenali viene effettuato prima e dopo l'introduzione di stimolanti della secrezione pancreatica. Di solito usi il test secretin-pancreosimine. 4-6 giorni prima dello studio, vengono eliminati sedativi, antiacidi e farmaci anticolinergici. Una sonda a due canali viene iniettata sotto il controllo dei raggi X in modo che un canale sia stabilito nell'antro dello stomaco e il secondo nel duodeno (il succo gastrico viene costantemente aspirato). Il contenuto duodenale viene raccolto in porzioni separate ogni 10 minuti (per un totale di tre porzioni). Quindi, la secretina viene somministrata per via endovenosa alla dose di 1 U / kg e il contenuto duodenale viene raccolto ogni 20 minuti per 1 ora, vengono determinati il ​​volume di tutti i campioni ottenuti, il pH e la concentrazione di bicarbonati. Un'ora dopo la somministrazione di secretina, la pancreosimina viene somministrata alla dose di 1 U / kg e il succo viene nuovamente raccolto per 1 ora; nella frazione ottenuta, viene determinata l'attività dell'α-amilasi, della lipasi e della tripsina. Un aumento dell'attività degli enzimi e la concentrazione di bicarbonati si osserva nella pancreatite reattiva, nelle fasi iniziali della pancreatite cronica. La diminuzione di questi indicatori riflette i processi distruttivi in ​​P. f. Con le violazioni del deflusso del succo pancreatico, il volume della secrezione diminuisce, tuttavia, gli indicatori dell'attività enzimatica e della concentrazione di bicarbonati rimangono normali.

Un indicatore sufficientemente sensibile dell'insufficienza esocrina P. è il test di Lund, che consiste nella determinazione oraria del contenuto duodenale di enzimi P. e il picco della loro attività dopo l'introduzione della colazione del campione di prova, composta da 18 g di olio vegetale, 15 g di caseina, 40 g di glucosio e 300 ml di acqua. I risultati dello studio dipendono anche dalla funzione di evacuazione dello stomaco, dalla produzione di ormoni gastroduodenali. Possono verificarsi cambiamenti negli indicatori con celiachia, cirrosi epatica, ittero ostruttivo, malattie del tratto biliare, ulcera peptica.

Per il riconoscimento dell'insufficienza pancreatica esocrina, viene anche utilizzato il cosiddetto test PABA (RAVA), basato sulla capacità della chimotripsina di scindere selettivamente l'acido para-aminobenzoico dal sale sodico dell'acido N-benzoil-L-tirosil-p-aminobenzoico assunto internamente. L'acido para-aminobenzoico viene assorbito nell'intestino, coniugato nel fegato ed escreto nelle urine. Alle malattie di P., accompagnato da una diminuzione del rilascio di chimotripsina, c'è una diminuzione del suo contenuto nelle urine. Risultati falsi positivi possono essere ottenuti con insufficienza renale, sindrome da malassorbimento, epatite e cirrosi epatica, nonché con farmaci contenenti ammine aromatiche.

Un metodo indiretto per valutare l'insufficienza esocrina P. nella clinica è una determinazione quantitativa dei grassi nelle feci. Allo stesso tempo, la quantità di grasso secreta dalle feci viene confrontata con la quantità di grasso ricevuta nel corpo del paziente, per la quale viene utilizzata una dieta appropriata per 3 giorni. Normalmente, il rilascio di grassi in numero assoluto durante il giorno non deve superare 7 g e il tasso di rilascio di grassi con feci inferiore al 20%. Alle malattie di P., seguito da una significativa riduzione del numero di cellule acinose, questo coefficiente aumenta rapidamente. Indicatori di una diminuzione della funzione esocrina P. w. vi sono anche abbondanti feci schiumose con lucentezza oleosa (l'esame microscopico rivela 100 o più goccioline di grasso nel campo visivo), la creatorrea (10 o più fibre muscolari nel campo visivo).

Allo scopo di studiare il metabolismo dei carboidrati, vengono determinati la quantità di glucosio nel sangue e la sua tolleranza (vedi diabete dello zucchero).

Nella diagnosi delle malattie di P. Anche i metodi di ricerca immunologica sono importanti. Ad esempio, una diminuzione del numero di linfociti T nel sangue, nonché la comparsa di anticorpi e sensibilizzazione dei linfociti agli antigeni del tessuto P. comune. osservato nella pancreatite acuta e cronica. I metodi radioimmunologici sono usati per determinare la gastrina, l'insulina, un polipeptide intestinale vasoattivo (VIP) nel sangue quando si sospetta un tumore P. ormonale attivo. (gastrina, insulina, vipoma).

Metodi di ricerca strumentale. Tra i metodi radiologici, il più semplice e accessibile è la radiografia panoramica dell'area di P., che consente di rilevare l'ombra della ghiandola ingrossata e calcificazioni nei suoi vari dipartimenti; Studio del contrasto ai raggi X dello stomaco e del duodeno, rivelando spostamento, cambiamento di forma, depressione delle pareti di questi organi con lesione di P.; La duodenografia è rilassamento. La pancreatocolangiografia retrograda è molto istruttiva, con l'aiuto del quale vengono rilevati cambiamenti (espansione, restringimento, deformazione, spostamento, rigidità) nel sistema di canali di un organo. Viene utilizzata la tomografia computerizzata, che consente di identificare chiaramente l'ingrandimento dell'organo e l'angiografia (angiografia).

Un posto importante nella diagnosi delle malattie di P. appartiene alla ricerca ecografica (vedi. Diagnostica ecografica). Quando analizzano un'ecografia, determinano la localizzazione, la forma, le dimensioni, la natura dei contorni, lo spessore, la struttura di un polipropilene, lo stato degli organi e dei tessuti circostanti. Parenchima immodificato P. w. rappresenta una formazione continua, omogenea. Con l'edema dell'organo, i suoi contorni diventano più distinti, con necrosi pancreatica, appare l'eterogeneità della struttura, con il cancro - deformazione dei contorni e più spesso un allargamento locale della ghiandola; un segno di una cisti - un'area chiaramente definita senza segnali ultrasonici.

Ricerca sui radionuclidi P. basato sulla capacità delle sue cellule di assorbire metionina marcata con 75 Se. Lo studio della forma della ghiandola, della posizione, della ricezione e della distribuzione del radionuclide in esso viene effettuato mediante scintigrafia (scintigrafia). Normalmente, su scintigrammi P. w. situato sotto il lobo sinistro del fegato, la sua forma è molto variabile. Contorni di P. normale chiaro, anche, tutti i dipartimenti sono per lo più contrastati in modo uniforme. Nella pancreatite acuta, si osserva un aumento dell'accumulo del farmaco in P. sotto forma di "punti caldi". Nella pancreatite cronica, c'è un debole contrasto di tutti i reparti di P. f., La sfocatura dei suoi contorni, la distribuzione irregolare del farmaco, rallentandone l'accumulo (fino a 1 1 /2 h ad una velocità di 20-30 minuti) e un rilascio accelerato di metionina marcata nell'intestino. I processi focali (tumori, cisti) si manifestano per l'assenza o la diminuzione dell'accumulo del radionuclide nell'area interessata. A causa della mancanza di segni diagnostici differenziali affidabili di tumore e pancreatite cronica, un'alta frequenza di risultati falsi e una grande dose di radiazioni, l'uso del metodo è limitato.

La duodenoscopia consente di rivelare segni indiretti della sconfitta di P. - duodenite superficiale o atrofica, cambiamenti emorragici ed erosivi nel bulbo duodenale, infiltrati infiammatori, crescite polipose della mucosa del duodeno, diverticolo nell'area della grande papilla duodenale, papillite, tumore di questa area.

L'esame citologico del contenuto duodenale ha un particolare valore diagnostico, specialmente dopo la somministrazione di secretina, o (migliore) succo pancreatico puro, ottenuto mediante canalizzazione endoscopica del dotto pancreatico. Normalmente, le cellule dell'epitelio cilindrico che rivestono i dotti pancreatici prevalgono; le cellule epiteliali cubiche dalle sezioni prossimali dei piccoli dotti si trovano meno spesso. A neoplasie maligne dell'oggetto. le cellule tumorali si trovano nel succo pancreatico. La pancreatocholangioscopia transduodenale può essere utilizzata per differenziare la natura e chiarire la localizzazione del processo patologico con intolleranza alla sostanza radiopaca. In casi diagnosticamente difficili, viene eseguita la laparoscopia (laparoscopia), durante la quale può essere eseguita una biopsia della ghiandola, nonché laparotomia, pancreaticografia intraoperatoria (virzungografiya).

Ispezione di persone con malattie di P. effettuato in più fasi. L'algoritmo dei metodi utilizzati è determinato da una diagnosi presuntiva. Al primo stadio ambulatoriale, un paziente in cui i dati clinici e anamnestici suggeriscono una malattia cronica di P., Determinano l'α-amilasi di urina e sangue. condurre esami ecografici, radiografia, duodenografia di rilassamento, ecc. Se necessario, l'uso di esami di laboratorio e strumentali più complessi del paziente viene inviato a un ospedale specializzato o centro diagnostico, dove viene fatta la diagnosi finale. In un ospedale a pazienti con la diagnosi preliminare della sconfitta di P. focale. (tumori, cisti) conducono prima di tutto studi strumentali come ultrasuoni, pancreatocolangiografia retrograda, tomografia computerizzata, angiografia, biopsia P. Nella pancreatite cronica, i metodi di studio dello stato funzionale di P. vengono alla ribalta. (test secretina-pancreosimina, test di Lund, ecc.), la cui valutazione è importante per la selezione di una terapia adeguata.

Malformazioni. Le principali malformazioni di P. - cistofibrosi, che è di natura ereditaria ed è una delle forme di fibrosi cistica e P. anulare A forma di anello P. la testa dell'organo circonda la parte discendente del duodeno (Fig. 7). Può essere asintomatico, ma si manifesta più spesso in un neonato con segni di ostruzione intestinale elevata (vomito persistente, inizio 1-2 giorni dopo la nascita, cessazione della secrezione di meconio). P. anulare meno f. provoca una parziale stenosi del lume intestinale. In questi casi, l'ostruzione è cronica, a volte ricorrente in natura e può verificarsi in età avanzata. La compressione in questi casi del dotto biliare comune porta all'ittero, è possibile lo sviluppo di pancreatite o un'ulcera duodenale. È possibile una combinazione di P. a forma di anello. con atresia dell'esofago, anomalie anorettali, displasia renale; a circa 1 /3 casi, è una delle manifestazioni di malattie cromosomiche, principalmente la malattia di Down. Uno studio di contrasto ai raggi X del tratto gastrointestinale mostra un restringimento circolare della parte discendente del duodeno in una piccola area, i contorni della parete intestinale nell'area di restringimento sono uniformi, le pieghe della mucosa sono preservate. La diagnosi è confermata dai risultati della pancreatocolangiografia retrograda endoscopica (i rami del dotto pancreatico circondano il duodeno). Trattamento chirurgico: imporre duodenoduodenoanastomosi o eseguire duodenojejunostomy.

Una rara malformazione - P. heterotopy. (aggiuntivo o aberraita, P. zh.). È caratterizzato dalla presenza nella parete dell'intestino tenue, dello stomaco, della cistifellea, del tessuto diverticolo P. Meckel. con la predominanza di elementi ghiandolari e dotti escretori, meno spesso isole pancreatiche. Siti eterotopici del tessuto di P. può essere la causa delle ulcere, che si manifestano più spesso con sanguinamento gastrointestinale o invaginazione intestinale. Questa malformazione può essere rilevata durante l'esame radiografico sotto forma di un chiaro difetto di riempimento arrotondato, al centro del quale (la bocca del dotto escretore) è possibile rilevare l'accumulo di una piccola quantità di sostanza radiopaca. Trattamento chirurgico - resezione dell'organo interessato.

Ipoplasia organo estremamente rara (vedi sindrome di Schwachmann) raddoppio del pancreas.

I danni al pancreas sono rari, sono divisi in chiusi e aperti, isolati e combinati. Lesioni chiuse dell'oggetto. insorgono a seguito di un impatto con un oggetto contundente o una compressione della parte superiore dell'addome nella direzione antero-posteriore, ad esempio durante una caduta, incidenti industriali o automobilistici, e sono accompagnati dalla formazione di ematomi sottocapsulari, rotture del tessuto d'organo, a volte con danni alla sua capsula e grandi condotti. Lesione aperta dell'oggetto. a seguito di ferite da arma da fuoco, oltre che causate dal taglio o dalla puntura di oggetti, è spesso accompagnato dalle rotture di P. fino alla sua completa pausa.

Il segreto pancreatico rilasciato in questi casi provoca necrosi da P. e organi e tessuti circostanti (omento, fibra retroperitoneale, ecc.).

Il quadro clinico e la gravità della condizione dipendono dalla natura della lesione (aperta, chiusa), dal grado di danno alla ghiandola e ad altri organi, dalla gravità dello shock traumatico (shock traumatico), dalla presenza di sanguinamento, peritonite. A lievi lividi di P., seguito da una piccola emorragia nel suo parenchima, le condizioni dei pazienti sono generalmente soddisfacenti. Nel campo di P. f. dolore moderato alla palpazione, nessun sintomo peritoneale.

Con una lesione di P. chiusa, accompagnata da rotture profonde e danni alla sua capsula, schiacciamento o rottura di un organo, le vittime sviluppano rapidamente una grave condizione causata da shock, sanguinamento intraperitoneale (sanguinamento intraperitoneale), peritonite. Sono irrequieti, lamentano dolori addominali gravi, spesso insopportabili che si irradiano alla schiena. La lingua è asciutta, il polso è accelerato (100-120 battiti / min), pressione sanguigna 100/70 mm RT. Arte. e sotto. L'addome non è coinvolto nell'atto della respirazione, la palpazione è fortemente dolorosa, tesa, sintomi peritoneali pronunciati, feci e gas ritardati, nonché un aumento della temperatura corporea e altri sintomi di intossicazione.

Il quadro clinico delle lesioni aperte dell'oggetto. in molti modi simili al quadro clinico di una ferita penetrante dell'addome (vedi. Addome).

Diagnostica delle lesioni dell'oggetto. difficile, specialmente con lesioni d'organo chiuse che non presentano sintomi caratteristici di altri organi addominali. Riconoscimento del danno dell'oggetto. l'iperglicemia, un aumento dell'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine, che indica una violazione delle funzioni endocrine ed escretorie dell'organo, può contribuire al verificarsi poco dopo una lesione. Diagnosi del danno di P. con ferita penetrante nell'addome facilita la capacità di determinare la direzione del canale della ferita e la sua coincidenza con la proiezione del pancreas. In casi dubbi, viene eseguita una laparoscopia o laparotomia diagnostica.

Trattamento delle lesioni dell'oggetto. chirurgico, solo con lievi contusioni, non è necessario un intervento chirurgico, tuttavia, per 3-5 giorni, le vittime hanno bisogno di un controllo medico in relazione alla possibilità di sviluppare pancreatite traumatica. Il volume dell'operazione, che nella maggior parte dei casi viene eseguito secondo le indicazioni di emergenza, dipende dalla natura del danno d'organo. La chirurgia per lesioni del pancreas può essere accompagnata da complicazioni sotto forma di fistole pancreatiche esterne, ascessi e pseudocisti di P., che spesso richiedono interventi ripetuti. La prognosi, specialmente con lesioni combinate, è grave - la mortalità è di circa il 50%.

Malattie I disturbi funzionali di P. f., Così come altri organi digestivi, sono in gran parte dovuti all'influenza di c.n.s. Varie situazioni stressanti, in particolare ricorrenti, possono essere accompagnate da una maggiore rimozione del succo, prolungati stati depressivi: la sua inibizione. In questo caso, una riduzione della secrezione di succo pancreatico non è generalmente pronunciata. Disturbi funzionali P. spesso accompagnano altre malattie dell'apparato digerente. A ulcera allo stomaco (ulcera allo stomaco) disfunzione di P. la discinesia duodenale pronunciata, lo sviluppo e la progressione della duodenite e le frequenti recidive contribuiscono alla malattia caratteristica di questa malattia. La natura dei cambiamenti funzionali P. w. con ulcera peptica in diversi pazienti è ambiguo; più spesso c'è una diminuzione dell'attività degli enzimi pancreatici (α-amilasi, tripsina, lipasi) nel contenuto duodenale e il suo moderato aumento del sangue. Alcuni ricercatori hanno notato un aumento dell'attività dell'α-amilasi nei contenuti duodenali su uno sfondo di una diminuzione dell'attività della lipasi (la cosiddetta dissociazione dell'escrezione di enzimi pancreatici). In un certo numero di casi, la funzione incretoria di P. diminuisce leggermente. Fenomeni simili si osservano con gastrite atrofica cronica. Disturbi funzionali dell'oggetto. a ulcera allo stomaco e gastrite cronica, a causa della stretta relazione funzionale dell'apparato digerente, violazione della regolazione nervosa e umorale (ormoni gastrointestinali) dell'attività di P., si verificano spesso sullo sfondo di processi a lungo termine nello stomaco e nel duodeno, non sono accompagnati da cambiamenti morfologici in P. g. e di solito hanno un carattere reversibile. Solo in rari casi, specialmente con la penetrazione di ulcere in P. f., Così come con malattie concomitanti del sistema biliare, la pancreatite cronica può diventare il risultato di disturbi funzionali.

Con la duodenite atrofica, la produzione di succo pancreatico viene interrotta a causa di una diminuzione della produzione della mucosa duodenale di stimolanti naturali della secrezione pancreatica di secretina e colecistochinina. Sono possibili cambiamenti funzionali di P. con epatite cronica e cirrosi epatica (in alcuni casi con cirrosi epatica si riscontrano alterazioni morfologiche come pancreatite cronica e fibrosi da P.). Nella colite cronica, e specialmente nella colite ulcerosa, si osserva la dissociazione degli enzimi P. nel contenuto duodenale (aumento dell'attività dell'α-amilasi, riduzione dell'attività della lipasi e della tripsina), aumento dell'attività della lipasi (atassil-resistente) nel siero del sangue.

La diagnosi di disturbi funzionali viene stabilita sulla base dell'assenza di sintomi clinicamente espressi della malattia e di segni di cambiamenti morfologici nell'organo, che viene rilevata mediante ultrasuoni, radionuclide e altri metodi. La diagnosi differenziale viene effettuata, prima di tutto, con pancreatite cronica e sconfitte di P. focale. Il trattamento e la prevenzione sono mirati alla malattia di base; si raccomanda anche una nutrizione bilanciata regolare..

Sono possibili violazioni della funzione secretoria di P., manifestate sotto forma di iperinsulinismo funzionale. Questa condizione è osservata più spesso nelle persone obese, in particolare nelle donne, ed è clinicamente manifestata da attacchi di debolezza, sudorazione e altri sintomi di una lieve sindrome ipoglicemizzante (sindrome ipoglicemizzante) 3-4 ore dopo l'ingestione di alimenti carboidrati facilmente digeribili. Un aumento dell'attività funzionale dell'apparato insulare è anche osservato in pazienti con lipodistrofia ipermuscolare, alcune forme di ovaie policistiche, combinate con acanthosis nigricans e altre condizioni in cui vi è un'anomalia dei recettori dell'insulina e (o) vengono prodotti anticorpi. La diagnosi differenziale di iperinsulinismo funzionale viene effettuata con iperinsulinismo organico che si verifica in pazienti con tumori che producono insulina, nonché con relativo iperinsulinismo osservato in pazienti con bassi livelli di ormoni contro-ormonali (con malattia di addison, insufficienza ipotalamo-ipofisaria). Con l'iperinsulinismo associato all'obesità, si raccomanda la nutrizione proteica frazionata ad eccezione dei carboidrati facilmente digeribili dalla dieta. In altre forme, viene trattata la malattia di base.

Processi distrofici in P. di f. spesso osservato con disturbi metabolici. La sconfitta dell'oggetto è la più caratteristica. con emocromatosi. È coinvolta nel processo patologico e con l'amiloidosi, di regola, sullo sfondo di una pronunciata lesione amiloide di altri organi. Un accumulo di sostanza amiloide si trova nelle pareti delle arterie e delle vene, così come attorno alle cellule del tessuto adiposo di P. f., Nello stroma dei lobuli e delle isole. Amiloidosi clinicamente dell'articolo. manifestato da segni di insufficienza secretoria, e in particolare sintomi di diabete mellito o segni di insufficienza di organi esocrini: diarrea pancreatogenica, esaurimento. Sconfitta distrofica dell'oggetto. può essere osservato con malattie del sistema endocrino.

I disturbi circolatori (cronici) nel pancreas comprendono cambiamenti patologici nella circolazione venosa e arteriosa. Si osservano violazioni del deflusso venoso con insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione portale, cuore polmonare. I cambiamenti morfologici iniziali in P. f., Manifestati dal suo aumento di volume e da alcuni gonfiori, possono successivamente provocare atrofia delle strutture ghiandolari e sclerosi del tessuto ghiandolare. Il quadro clinico è di solito raro, perché i sintomi di danno ad altri organi, ascite, vengono alla ribalta. Rivelare l'insufficienza della funzione esocrina dell'oggetto. consente lo studio degli enzimi nel contenuto duodenale; allo stesso tempo, si trova spesso un moderato aumento dell'attività dell'amilasi nel sangue e nelle urine.

Sconfiggi P. f. con l'aterosclerosi si osserva più spesso nelle persone di età superiore ai 60 anni. I cambiamenti sclerotici che si sviluppano nella ghiandola portano a una violazione delle sue funzioni escretorie e increzioni.In alcuni casi, vi sono trombosi vascolari e infarti di P., che si verificano con il quadro clinico della necrosi pancreatica (vedere Pancreatite, acuta). Disturbi dell'afflusso di sangue all'organo sono anche osservati nell'infarto miocardico acuto. In casi lievi, sono di natura funzionale e si manifestano solo con cambiamenti funzionali lievemente espressi. Meno comunemente, l'infarto del miocardio è accompagnato da pancreatite acuta, in alcuni casi c'è una trombosi acuta dei vasi ghiandolari con il quadro clinico della pancreatite emorragica acuta. Per fare la diagnosi corretta a vari disturbi della circolazione sanguigna dell'articolo. difficile. Di solito è stabilito presumibilmente, tenendo conto delle malattie di fondo che si verificano con disturbi circolatori, l'improvvisa (senza ragione apparente) della pancreatite acuta o la graduale formazione di diabete mellito. La diagnosi è confermata dai risultati di un esame ecografico e dalla determinazione dell'attività degli enzimi di P. nel sangue e nelle urine, contenuto duodenale. Il trattamento è lo stesso della pancreatite acuta, in caso di disfunzione della ghiandola endocrina, vengono prescritti farmaci antidiabetici. Conducono anche il trattamento del principale processo patologico (insufficienza cardiaca, aterosclerosi, ecc.).

Tra le malattie infiammatorie dell'articolo. i più comuni sono pancreatite acuta e cronica. Il danno al pancreas è possibile in caso di reazioni allergiche, tra cui con allergie alimentari (al latte, carne, verdure, ecc.) o ai prodotti chimici presenti in questi prodotti (insetticidi, pesticidi, antibiotici, ecc.). Clinicamente, le lesioni allergiche si manifestano anche con sintomi di pancreatite acuta. La diagnosi è facilitata se allo stesso tempo vengono rilevati segni di danno allergico alla pelle e ad altri organi (orticaria, edema di Quincke, un attacco di asma bronchiale). Per il trattamento, i farmaci utilizzati nella pancreatite acuta, terapia iposensibilizzante.

Sconfitte di P. osservato in malattie diffuse del tessuto connettivo. Quindi, con la sclerodermia sistemica, i cambiamenti morfologici si manifestano con sclerosi vascolare, atrofia delle strutture ghiandolari, proliferazione del tessuto connettivo, nei casi più gravi - emorragie, necrosi focale e fibrosi d'organo. Il quadro clinico è caratterizzato da fenomeni dispeptici (flatulenza, disturbi delle feci, ecc.), Lieve dolore nell'ipocondrio sinistro, perdita di peso. Nello studio degli enzimi nel contenuto duodenale, sangue e urina in molti casi, vengono rivelati segni di insufficienza esocrina di P., con un esame ecografico in quasi 1 /3, pazienti - segni di fibrosi d'organo diffusa o focale. Nel lupus eritematoso sistemico, in rari casi, si osservano cambiamenti specifici nel pancreas, procedendo come pancreatite acuta.

Con la periarterite nodulare, possono essere colpiti i vasi pancreatici, che si manifestano clinicamente da un quadro che ricorda la pancreatite acuta o cronica ricorrente. Violazioni di natura principalmente funzionale, in alcuni casi con sintomi di pancreatite, possono essere osservate con reumatismi. Nei casi più gravi di quest'ultimo, possono svilupparsi processi sclerotico-atrofici in P. fino alla sclerosi intralobulare focale.

Coinvolgimento nel processo patologico P. w. nelle malattie infettive acute, a quanto pare, si verifica molto più spesso di quanto venga diagnosticato, poiché i sintomi di intossicazione acuta e danni ad altri organi di solito vengono alla ribalta. La sconfitta di P. è particolarmente nota. con epidemia di parotite (epidemia di parotite), che si manifesta morfologicamente principalmente dall'infiammazione interstiziale della ghiandola, clinicamente dal dolore nella regione epigastrica e dall'ipocondrio sinistro (in alcuni casi di herpes zoster), vomito, flatulenza, iperamilasemia e iperamilazuria.

Tubercolosi P. f. è estremamente raro. Mycobacterium tuberculosis cade in P. f. ematogena, linfogena o contatto (dagli organi vicini) di. La malattia può verificarsi con la formazione di tubercoli miliari, tubercoli solitari, caverne, nonché sotto forma di pancreatite interstiziale, seguita da sclerosi organica. Il quadro clinico è polimorfico. Spesso segni della sconfitta di P. poco espresso a causa della predominanza di sintomi da altri organi, come i polmoni. I pazienti possono lamentarsi di eruttazione, perdita di appetito, nausea, dolore nel quadrante in alto a sinistra dell'addome, spesso herpes zoster, diarrea, aumento della sete (con danni all'apparato isolotto).

Spesso si verifica un progressivo esaurimento dovuto sia al processo tubercolare stesso che alla violazione della funzione esocrina di P. f., Che porta a digestione e assorbimento insufficienti del cibo. La pelle dei pazienti a volte acquisisce un colore scuro, come nella malattia di Addison. All'atto di una palpazione il dolore di P. è spesso annotato., Ma di solito non è possibile sondare una ghiandola. In alcuni casi, si osserva un decorso asintomatico..

La diagnosi è difficile Sospettare una specifica sconfitta dell'oggetto. è possibile con la comparsa dei suddetti sintomi, nonché persistente iperamilasemia e iperamilazuria in un paziente con tubercolosi polmonare. Quando vengono rilevate lesioni sotto il controllo di un'ecografia, viene eseguita una biopsia mirata per chiarire la diagnosi. Di grande importanza sono i risultati dei test sulla tubercolina. Trattamento specifico (vedere Tubercolosi (Tubercolosi)). Sono anche prescritti un'alimentazione frazionaria (5-6 volte), una dieta parsimoniosa con un contenuto di grassi limitato, esclusi i cibi piccanti e ricchi di proteine. Con segni di insufficienza esocrina, vengono prescritti pancreatina, panzinorm, festosi e altri preparati enzimatici.

Sconfitta sifilitica dell'oggetto. può essere osservato sia con sifilide congenita che acquisita. Sconfitta specifica dell'oggetto. trovato in circa il 10-20% dei bambini affetti da sifilide congenita. Inoltre, il capo di P. è più spesso colpito. Quadro morfologico della sifilide congenita P. f. è diverso, tuttavia, tre forme della malattia sono più comuni: gumema, diffuso interstiziale e procede con una lesione predominante dei dotti pancreatici. In tutti i casi si osservano atrofia degli elementi ghiandolari e proliferazione del tessuto connettivo con lo sviluppo della sclerosi..

La sifilide acquisita P. f. È estremamente rara, procedendo tenendo conto delle caratteristiche morfologiche in tre forme: edematosa-infiltrativa (con sifilide secondaria), gumiforme e sotto forma di pancreatite sclerotica specifica. Il quadro clinico è variabile: la malattia può essere asintomatica, con sintomi di pancreatite cronica, tumori di P. e diabete, che nella maggior parte dei casi si presenta con una forma sclerotica. Le manifestazioni frequenti sono dolore nella regione epigastrica e nell'ipocondrio sinistro, flatulenza, diarrea, perdita di peso. A volte nella cosiddetta forma pseudotumorale è possibile palpare una formazione simile a un tumore nel campo di P. Se la testa della ghiandola è danneggiata a causa della compressione del dotto biliare comune con infiltrato, può verificarsi ittero subepatico. Sospettare la sconfitta sifilitica dell'oggetto. possibile se vengono rilevati segni di pancreatite o diabete mellito sullo sfondo di altre manifestazioni della sifilide. In alcuni casi, i dati anamnestici aiutano nella diagnosi. Di grande importanza sono i risultati dei test sierologici. La presenza di danno d'organo diffuso o focale consente di stabilire metodi di ricerca a ultrasuoni e radionuclidi. Nei casi più difficili, viene utilizzata la tomografia computerizzata. Viene anche preso in considerazione l'effetto positivo di un trattamento specifico (miglioramento dei test funzionali, inclusa la scomparsa dei sintomi del diabete mellito, il riassorbimento dei focolai di infiltrazione infiammatoria e persino la gomma). Trattamento specifico (vedi. Sifilide). In caso di insufficienza esocrina, vengono inoltre prescritti preparati enzimatici, in caso di insufficienza incriminata, la terapia viene eseguita secondo i principi del trattamento del diabete mellito (vedere. Diabete mellito).

Lesioni parassitarie dell'oggetto. sono rari. Prima di tutto, le elmintiasi appartengono a loro. I nematodi, penetrando nei dotti pancreatici, interrompono il deflusso del succo pancreatico e possono causare pancreatite acuta, necrosi focale e ascessi dell'organo. In rari casi, l'invasione prolungata di nematodi nei dotti della ghiandola può portare allo sviluppo di pancreatite cronica. È estremamente raro che trematodi e altri elminti possano diventare la causa di fenomeni simili. La diagnosi viene stabilita prendendo in considerazione i focolai naturali della malattia, i dati provenienti da studi coprologici ripetuti, studi ad ultrasuoni e radionuclidi, angiografia P., nonché i risultati di specifici test di laboratorio. Il trattamento include l'uso di antielmintici.

Sono descritti i casi di alveococcosi (vedi. Echinococcosi alveolare) e P. echinococcosi., Il quadro clinico di cui ricorda pancreatite cronica o tumore P..

Lesioni tossiche dell'articolo. il più delle volte si verifica a causa di intossicazione acuta o cronica con alcol e suoi sostituti e procede come pancreatite acuta o cronica. Le lesioni tossiche dovute a fattori occupazionali sono rare, soprattutto in caso di violazione delle norme di sicurezza delle imprese petrolchimiche. A lavoratori di queste imprese i cambiamenti della funzione di P. possono incontrarsi. se esposto a divinile e sterolo in concentrazioni 5 o più volte superiori a quanto consentito, con lo sviluppo dei cosiddetti sintomi minori - dolore nell'ipocondrio sinistro, tendenza alla flatulenza e alla diarrea. Con una prolungata esperienza lavorativa, possono verificarsi violazioni della funzione incretrice di P., iperamilasemia o (meno comunemente) ipoamilasemia. Diminuzione dell'attività secretoria esterna dell'articolo. trovato anche nei lavoratori del settore delle materie plastiche. Possibili disfunzioni degli organi se esposti a sostanze radioattive. Per malattie professionali P. f. caratterizzato da una maggiore frequenza rispetto ad altre lesioni, il coinvolgimento simultaneo nel processo patologico del fegato e delle vie biliari, che si manifesta clinicamente con un aumento del fegato e cambiamenti nei test funzionali del fegato. Trattamento delle malattie professionali P. f. come con pancreatite. È anche necessario eliminare il contatto con un fattore dannoso. La prevenzione comprende il rispetto delle norme di sicurezza, esami sistematici professionali con studi di laboratorio e strumentali per identificare i primi segni della malattia.

Stones P. (pancreolitiasi) sono rari. Si formano nei dotti pancreatici e sono composti per l'85-95% da carbonato di calcio e fosfato. Contengono anche sali di magnesio, silicio, alluminio e sostanze organiche (colesterolo, pigmenti). Le pietre possono essere singole e multiple, piccole e grandi, di forma diversa (rotonda, ovale, con escrescenze a forma di punteruolo, sotto forma di una bacca di gelso, ecc.) E colore (bianco, giallo, marrone). L'aspetto delle pietre P. g. nella maggior parte dei casi, è associato a pancreatite trasferita, in cui vi è un aumento del contenuto di calcio nella secrezione pancreatica e una violazione del deflusso di quest'ultima. I calcoli formati nel lume dei dotti, a loro volta, contribuiscono ai processi infiammatori e sclerotici nel tessuto ghiandolare, portando a atrofia e rughe dell'organo.

Le manifestazioni cliniche della pancreolitiasi sono forti dolori nella regione epigastrica e nell'ipocondrio sinistro, spesso di natura cingolata, che si irradiano alla schiena e alla scapola sinistra. Sono di natura parossistica e di solito si sviluppano con errori nell'alimentazione (l'uso di cibi grassi, alcool). I dolori a volte sono così intensi che non fermano nemmeno gli analgesici narcotici, accompagnati da nausea, vomito. I pazienti hanno diarrea, steatorrea, significativa perdita di peso fino alla cachessia. Con esacerbazioni, palpazione dell'addome nell'epigastrio, nell'ipocondrio sinistro e nella sinistra dell'ombelico è bruscamente doloroso, qui può essere espressa la tensione dei muscoli addominali. La pancreatolitiasi è caratterizzata da un decorso progressivo, che porta all'insufficienza funzionale della ghiandola, tra cui metabolismo dei carboidrati alterato con lo sviluppo del diabete. La malattia può essere complicata dalla formazione di cisti, ascessi di P., sanguinamento gastrointestinale. Con la compressione della testa alterata della ghiandola del dotto biliare comune distale, si sviluppa l'ittero.

La diagnosi è difficile a causa dell'assenza di sintomi caratteristici. Il livello di enzimi pancreatici in relazione allo sviluppo della fibrosi di P. parenchyma. potrebbe non aumentare anche con un'esacerbazione del processo. La radiografia panoramica ha un certo valore diagnostico, in cui nell'area in cui si trova P. vengono determinate le sfumature di calcolo di varie forme e dimensioni (Fig. 8). Nei casi in cui i calcoli non sono radiopachi, vengono rilevati mediante pancreatocholangiography retrograda. A volte l'esame ecografico e la tomografia computerizzata consentono di chiarire la localizzazione delle pietre, nonché di differenziare le pietre di P. con calcoli dei dotti biliari, cistifellea, reni, linfonodi calcificati della cavità addominale. In casi dubbi, viene eseguita l'arteriografia dei vasi mesenterici. Dati affidabili possono essere ottenuti durante l'esame e la palpazione di P. f. durante la laparotomia diagnostica, nonché con pancreaticografia intraoperatoria.

Il trattamento chirurgico è indicato per il dolore intenso, l'aumento degli attacchi di dolore e lo sviluppo di complicanze. Le pietre devono essere rimosse, a volte insieme a un segmento della ghiandola, allo stesso tempo eliminare la stasi della secrezione pancreatica.

Calcificazione dei tessuti di P. (calcificazione) è sotto forma di focolai limitati o lesioni diffuse. Più spesso osservato nelle persone che hanno avuto pancreatite acuta. Può essere dovuto all'adenoma delle ghiandole paratiroidi. Si manifesta con gli stessi sintomi delle pietre di P. La diagnosi è simile alla diagnosi di pancreolitiasi. Trattamento chirurgico - resezione dell'area interessata.

Cisti P. sono rari, si trovano nel parenchima dell'organo o dei tessuti circostanti, sono singoli e multipli. A seconda della loro origine, sono divisi in congeniti e acquisiti (natura traumatica, infiammatoria, parassitaria, tumorale). Tra le cisti acquisite di P. f. distinguere tra vero (ritenzione) e falso (pseudo-cisti). I primi sono l'allargamento cistico dei principali dotti pancreatici derivanti dall'occlusione con una pietra, un tumore o un infiltrato infiammatorio. Le vere cisti, come quelle congenite, sono rivestite con epitelio, contengono un fluido chiaro mescolato con enzimi pancreatici e si trovano più spesso nelle regioni della testa e del corpo della ghiandola. Le false cisti, a differenza di quelle vere, non hanno rivestimento epiteliale e non sono collegate ai dotti. Il tessuto connettivo forma le loro pareti o sono formati da organi vicini. Il contenuto delle false cisti è liquido, a volte con una miscela di sangue. Spesso raggiungono dimensioni significative e occupano l'intera cavità del piccolo omento. Le ragioni più frequenti di formazione di false cisti di P. sono pancreatite acuta distruttiva. accompagnato da necrosi pancreatica emorragica e lesioni di P. con lacrime del parenchima organo. Il segreto pancreatico rilasciato allo stesso tempo provoca la distruzione dei tessuti circostanti, portando a un'infiammazione asettica nella cavità del piccolo omento; dal tessuto di granulazione, gradualmente sostituito dal tessuto connettivo sclerotico, si formano pareti dense di cisti. Meno comuni sono le cisti parassitarie, che sono una delle fasi dello sviluppo di echinococco o cisticerco (vedi Cisticercosi). I tumori benigni e maligni (adenomi, adenocarcinomi, emangiomi, ecc.) Possono anche avere una struttura cistica..

Manifestazioni cliniche principali di cisti di P. - Dolori permanenti opachi o acuti, parossistici nella regione epigastrica, ipocondria destra o sinistra, che si irradia alla schiena o all'herpes zoster. Quando questa o quella parte del tratto gastrointestinale viene compressa, possono verificarsi segni di stenosi gastrica, duodenostasi, ostruzione intestinale parziale o completa, con compressione dell'ittero del dotto biliare comune, vena porta - ascite e altri sintomi di ipertensione portale (ipertensione portale). La formazione del tumore può essere palpata nella parte superiore dell'addome.

Violazione della funzione secretoria di P. g. manifestato da perdita di peso, aumento della fatica, feci compromesse, meno spesso l'aggiunta di diabete. Le complicanze più gravi sono il sanguinamento dai vasi arrozati della parete della cisti nel suo lume, gli organi del tratto gastrointestinale o nella cavità addominale libera, la suppurazione della cisti, procedendo come un ascesso della cavità addominale o dello spazio retroperitoneale e la formazione di fistole pancreatiche durante la perforazione delle cisti. Malignità della cisti possibile.

Diagnosi di cisti P. complicato. Un segno indiretto è la deformazione delle pareti degli organi del tratto gastrointestinale, rilevata mediante fluoroscopia ed endoscopia, con angiografia, viene rilevato uno spostamento dei vasi che circondano la cisti. Viene utilizzata la pancreatocholangiography retrograda (Fig. 9), con l'aiuto del quale è anche possibile stabilire una connessione tra la cisti e i dotti P. L'esame ecografico (Fig. 10) e la tomografia computerizzata (Fig. 11) sono del massimo valore diagnostico, consentendo di determinare con precisione la localizzazione della cisti, le sue dimensioni, la forma, la natura del contenuto, l'atteggiamento verso gli organi vicini. La diagnosi differenziale viene effettuata con cisti del fegato, reni, ghiandole surrenali, milza, spazio retroperitoneale, trattamento chirurgico. La prognosi per un intervento tempestivo è favorevole..

Fistola P. insorgere a seguito della sua lesione, incluso durante l'intervento chirurgico, la biopsia, nonché a causa di pancreatite distruttiva, accompagnata da necrosi del parenchima, perforazione delle cisti in un organo cavo adiacente. Sono esterni, interni e combinati. Una grande quantità (fino a 1500 ml) di liquido limpido o torbido può essere separata dalla fistola pancreatica esterna, a volte con piccoli pezzi di parenchima necrotico (sequestra), macerando la pelle circostante. Con la continua esistenza della fistola, vi è una perdita di enzimi, proteine, minerali, disidratazione, che porta a ipoproteinemia, ipocloremia, digestione compromessa e grave esaurimento. Le fistole interne, che di solito comunicano con un qualche tipo di organo cavo (di solito con il colon trasverso), nella maggior parte dei casi, non si manifestano clinicamente.

Diagnosi di fistole esterne dell'oggetto. basato sulla presenza di enzimi pancreatici nello scarico. La fistulografia consente di stabilire relazioni topografiche tra la fistola e i dotti di P. f., Per determinare la loro natura, che è importante nello sviluppo della tattica terapeutica. Le fistole interne sono di solito rilevate per caso durante un esame radiografico del tratto gastrointestinale.

Il trattamento delle fistole esterne è il primo conservatore, volto a normalizzare l'equilibrio elettrolitico, eliminando la disidratazione e l'esaurimento (somministrazione di fluidi, elettroliti, vitamine, sostituti del sangue, ecc.), Nonché sopprimendo la secrezione pancreatica (somministrazione di preparazioni atropine, prescrizione di acque minerali alcaline, vicalina, pentossile e altro). È necessaria un'attenta cura per la pelle macerata intorno alla fistola: è lubrificata con unguenti di zinco, pasta Lassar. Nella fistola vengono introdotti sclerosanti (soluzione alcolica di iodio, nitrato d'argento, ecc.) E preparati antiferment (trasilolo, contracale). Con inefficienza entro 4 settimane dalle misure conservative, è indicato un trattamento chirurgico.

I tumori del pancreas possono essere benigni e maligni. Per localizzazione sono divisi in tumori della testa, del corpo e della coda P. I tumori del tessuto esocrino e le isole pancreatiche si distinguono per istogenesi.

I tumori benigni del tessuto esocrino sono rari e sono rappresentati principalmente da adenomi. L'epitelio di questi tumori ricorda l'epitelio dei dotti (cistoadenomi) o del tessuto acinoso. Una variante della struttura è il cistoadenoma papillare. Il quadro clinico è determinato principalmente dalle dimensioni del tumore. Un tumore del tipo di condotto, che spesso raggiunge grandi dimensioni, può essere determinato dalla palpazione sotto forma di una formazione arrotondata e durante un esame fisico viene di solito diagnosticato come una cisti. Con la posizione del tumore duttale nell'area della testa, si osservano spesso sintomi di restringimento del duodeno. Le condizioni generali dei pazienti non soffrono. I tumori del tessuto acuminoso spesso non compaiono e sono una scoperta accidentale in un esame ecografico della cavità addominale o in laparotomia eseguita per altre malattie. A volte il tessuto tumorale mantiene la sua funzione secretoria (sintetizza la lipasi), che si manifesta clinicamente dalla pannicolite (formazione alle estremità, meno spesso sul corpo di varie dimensioni e densità dei nodi color cremisi fusi sulla pelle e che rappresentano focolai di necrosi asettica del tessuto sottocutaneo) spesso in combinazione con eosinofilia. Questa patologia era precedentemente chiamata stroma metastatico di P. f. Tuttavia, gli studi hanno dimostrato che la causa dello sviluppo della necrosi asettica del tessuto sottocutaneo è l'iperlipasemia e non le metastasi tumorali. A questo proposito, lo studio del livello di attività della lipasi nel siero è un criterio importante per la diagnosi. Con piccole dimensioni di tumori benigni e l'assenza di manifestazioni cliniche, le misure terapeutiche non vengono eseguite. In violazione della funzione di P. f. o altri organi indicati trattamento chirurgico.

Il tumore P. maligno è un tumore maligno del tessuto esocrino che occupa il secondo e il terzo posto tra i tumori cancerosi e il settimo tra tutte le malattie oncologiche. In circa l'80% dei casi, il cancro ha origine dall'epitelio dei dotti e in quasi il 20% dall'epitelio del tessuto esocrino. Nel 60-80% dei casi, il tumore colpisce la testa di P. f. (Fig. 12), meno spesso il corpo e la coda o l'intera ghiandola. Si nota la certa connessione del cancro di P. con alcolismo, pancreatite cronica, diabete. Nelle fasi iniziali, il processo è nascosto. Le manifestazioni iniziali non sono così specifiche che possono assomigliare a gastrite, ulcera peptica e ulcera duodenale, colecistite, pancreatite, ernia diaframmatica, ecc. Nella fase espansa, i sintomi generali e locali si distinguono nel quadro clinico. I sintomi comuni includono debolezza, riduzione delle prestazioni, perdita di appetito, perdita di peso, tromboflebite migratoria. I sintomi locali includono dolore nell'addome superiore dell'herpes zoster, nonché segni di compressione di uno o un altro organo (con blocco del dotto pancreatico - costipazione e diarrea, steatorrea, con compressione del dotto biliare comune - ittero, con compressione o germinazione di un tumore nel duodeno - vomito, sanguinamento intestinale). La posizione del tumore determina le caratteristiche del quadro clinico e la predominanza di alcuni sintomi. Quindi, al tumore alla testa di P. una delle manifestazioni principali è l'ittero subepatico, la cui natura meccanica può essere indicata da un aumento dei livelli di colesterolo e fosfatasi alcalina (con transaminasi normali). Per il cancro della testa P. un segno specifico è una cistifellea allargata indolore alla palpazione - un sintomo positivo di Courvoisier, assente con ittero ostruttivo di diversa genesi. Per il cancro del corpo e della coda P. w. i dolori sono caratteristici che si verificano e si intensificano dopo aver mangiato o di notte, spesso fin dall'inizio della malattia così intensa che è necessario l'uso di analgesici narcotici. Un tumore di questa localizzazione ha più probabilità di palpare, cosa che può essere fatta in diversi modi. Il paziente giace sulla schiena con le gambe piegate sulle ginocchia, con un pugno sotto la parte bassa della schiena, il dottore si trova sulla destra e inserisce profondamente le dita di entrambe le mani tra l'ombelico e l'ipocondrio sinistro e palpa la ghiandola con movimenti scorrevoli. Il paziente è in piedi, inclinato leggermente in avanti e a sinistra, il dottore si alza a destra e davanti, con la mano sinistra sostiene il paziente dietro la schiena nella regione della XII costola, e con la mano destra indaga l'area situata tra l'ombelico e l'ipocondrio sinistro. Il paziente giace alla sua destra con le gambe leggermente piegate alle ginocchia e la mano destra gettata all'indietro dietro la testa, il dottore si trova di fronte e cerca con la mano destra l'area tra l'ombelico e l'ipocondrio sinistro, tenendo la parte posteriore del soggetto con la mano sinistra. Per la palpazione della coda P. w. viene anche usato il metodo Mayo-Robson (il paziente giace sul lato destro, sporgendosi in avanti di 45 °, la gamba sinistra piegata sull'articolazione del ginocchio è sulla coscia destra, il medico tiene il paziente con la mano sinistra nella regione delle costole inferiori, penetra nell'ipocondrio sinistro con movimenti ondulati, spingendo lo stomaco a destra).

La diagnosi di cancro dell'articolo., Soprattutto nelle prime fasi, presenta notevoli difficoltà. Prendi in considerazione i dati del quadro clinico e dell'esame obiettivo, i risultati degli esami di laboratorio (questi ultimi aiutano a differenziare l'ittero subepatico ed epatico), nonché gli studi sul contrasto dei raggi X dello stomaco e del duodeno (Fig. 13). Il posto più importante nella diagnosi appartiene all'ecografia, alla pancreatocolangiografia retrograda e alla tomografia computerizzata a raggi X (Fig. 14) con puntura mirata del focus patologico, nonché ai risultati di studi citologici e istologici. Vengono utilizzati metodi diagnostici immunologici basati sull'uso di numerosi anticorpi monoclonali. Trattamento chirurgico. In casi inoperabili (invasione del tumore al di fuori del corpo, presenza di metastasi, cattive condizioni generali del paziente, ecc.), Vengono eseguiti interventi palliativi - criodistruzione del tumore o radioterapia. Per fermare la sindrome del dolore grave, viene utilizzata la denervazione chimica epidurale - l'introduzione del fenolo nello spazio epidurale, l'alcool etilico - sostanze che causano danni alle radici nervose e impulsi del dolore alterati. La previsione è sfavorevole.

Tumori benigni e maligni del tessuto endocrino P. appartengono al gruppo dei tumori del sistema APUD e sono chiamati apud. La maggior parte di questi tumori sono ormonali attivi e presentano sintomi dovuti al tipo di ormone prodotto dal tumore. Tumori del tessuto endocrino P. w. È consuetudine dividere in due gruppi. Il primo include formazioni che secernono ormoni secreti da isole pancreatiche normalmente funzionanti. Il secondo gruppo comprende formazioni che secernono ormoni che non sono caratteristici delle isole pancreatiche. Il primo gruppo comprende tumori delle cellule α, β e δ (glucagone, insulinoma, somatostatina), secrezione di glucagone, insulina e somatostatina, rispettivamente. L'origine cellulare delle neoplasie del secondo gruppo non è stata finalmente stabilita. Questi includono gastrinoma, secrezione di gastrina, vipoma, secrezione di peptide intestinale vasoattivo (VIP), un tumore che secerne sostanza simile all'ACTH, tumori con un quadro clinico della sindrome carcinoide (vedi Carcinoide) e altri. Più del 70% dei tumori delle isole sono rappresentati da neoplasie a cellule P (vedi. Sistema Apud).

Interventi chirurgici su P. f. produce danni agli organi, malformazioni, malattie infiammatorie e parassitarie, cisti e tumori, di solito in anestesia generale con l'uso di miorilassanti. Le incisioni e l'approccio alla ghiandola dopo la laparotomia possono essere diversi a seconda della natura e della posizione della lesione..

Alle ferite di P. secondo le indicazioni di emergenza, l'operazione viene eseguita in connessione con peritonite o segni di sanguinamento interno; in altri casi, vengono gestiti come previsto. Dopo l'esposizione di P. (di solito attraverso il legamento gastrointestinale) la cavità del sacco imbottito viene liberata dal sangue miscelato con secrezione pancreatica o sotto forma di coaguli, tessuti schiacciati. Le navi danneggiate sono ligate, le rotture superficiali della ghiandola vengono suturate con la capsula dell'organo. Ematomi sottocapsulari dell'oggetto. aprire e fasciare i vasi sanguinanti. A pause con danno al dotto pancreatico o una rottura completa P. Su di esso vengono posti punti separati, allo stesso tempo viene suturata la condotta pancreatica (da un capo all'altro su un tubo a forma di T). Nel caso di lesioni più estese del corpo dell'organo e del dotto pancreatico, viene eseguita la pancreaticoejunostomy - un'anastomosi con digiuno spento secondo Ru o Brown. A ampi spazi trasversali P. w. la sua estremità prossimale è completamente suturata e l'estremità distale è collegata al segmento spento del digiuno. Con una significativa distruzione della coda, viene eseguita una resezione dell'organo sul lato sinistro (pancreatectomia distale), di solito insieme alla milza. In caso di danno simultaneo alla testa della ghiandola e del duodeno, è indicata la resezione pancreatoduodenale - rimozione di parte di P. g. e il duodeno. Operazioni a lesioni dell'oggetto. terminare con il drenaggio del sacco imbottito.

Con le pietre dei principali dotti pancreatici, è indicata la pancreaticolitotomia. Un singolo calcolo viene rimosso dopo la dissezione del parenchima della ghiandola (pancreatotomia) e della parete del condotto (pancreaticotomia) sopra di esso. I tessuti sezionati vengono suturati con suture separate, il drenaggio temporaneo del condotto viene eseguito utilizzando un drenaggio a forma di T. Con più calcoli e stenosi del dotto, determinati mediante pancreaticografia intraoperatoria, viene eseguita una sezione longitudinale di P. nell'area della coda, del corpo e della parte interessata del dotto pancreatico principale, i calcoli vengono rimossi. stenosi e restringimenti lo tagliano e quindi producono pancreaticojejunostomy. Le pietre localizzate alla bocca del dotto pancreatico vengono rimosse dopo la dissezione di quest'ultima nell'area della grande papilla del duodeno operativamente o spesso con un endoscopio.

Cisti P. rimosso con una parte della ghiandola (cistectomia). Una resezione d'organo viene anche utilizzata insieme a una cisti.Più spesso viene utilizzata un'operazione più delicata e semplice: drenaggio esterno o interno della cavità della cisti con lo stomaco (cistogastrostomia), il duodeno (cistoduodenostomia) o il digiuno (cistoenterostomia). Il drenaggio esterno viene effettuato utilizzando vari drenaggi (gomma, clorovinile, ecc.) Introdotti nel lume della cisti o mediante l'operazione di marsupializzazione - sutura circolare delle pareti di una cisti aperta e svuotata nella ferita della parete addominale anteriore (quest'ultima viene raramente utilizzata a causa della formazione di fistole esterne esistenti a lungo ricadute di una cisti, malignità e altre complicazioni).

Trattamento chirurgico di fistole esterne P. w. consiste nella loro escissione in tutto o nella resezione della ghiandola insieme al corso fistoloso. È possibile collegare la sua fistola con uno degli organi del tratto gastrointestinale, ad esempio con lo stomaco, quando l'estremità distale della fistola viene cucita nel lume dello stomaco insieme alla pelle circostante.

Le maggiori difficoltà sono gli interventi chirurgici per tumori P. Con cancro alla testa P. w. un'operazione radicale è la resezione gastropancreatoduodenale, in cui la sezione di uscita dello stomaco, del duodeno e della testa di P. viene rimossa in un unico blocco, con la formazione di anastomosi gastro-, entero-e pancreatojejunal. Nell'ittero che dura più di 2 mesi, un dotto biliare esegue un intervento chirurgico di colecistejunostomia con anastomosi intestinale marrone. Con il cancro del corpo e della coda P. w. Viene mostrata la resezione di P. con splenectomia. A una lesione tumorale totale di un organo o in presenza di cancro della testa e della coda P. rimuovere la milza, l'intera P. g. e duodeno (splenopancreatoduodenectomia).

Bibliografia: Babkin B.P. Il meccanismo di secrezione delle ghiandole digestive, L., 1960; Blokhin N.N., Itin A.B. e Klimenkov A.A. Tumore del pancreas e del tratto biliare extraepatico, M., 1982, bibliogr.; Boger M.M. Metodi di ricerca sul pancreas, Novosibirsk, 1982, bibliogr.; Banks P.A. Pancreatite, per. dall'inglese., M., 1982, bibliogr.; Georgiev Ch. E Damyanov D. Viste moderne sulle neoplasie del pancreas endocrino, Chirurgia, n. 8, p. 135, 1985, bibliogr.; Gubergrits A.Ya. Malattie pancreatiche croniche, Kiev, 1984, bibliogr.; Isakov Yu.F., Stepanov E.A. e Krasovskaya T.V. Chirurgia addominale nei bambini, p. 268, M., 1988; Gastroenterologia clinica, ed. G.i. Burchinsky, s. 489, Kiev, 1978: Kuzin M.I. e altra pancreatite cronica, M., 1985; Majdrakov G.M. Malattie del pancreas, per. con bulg., Sofia, 1962, bibliogr.; Mazowiecki A.G. e Belikov V.K. Diabetes, M., 1987; Margatka Z. Gastroenterologia pratica, trans. dalla Repubblica Ceca. con. 496, Praga, 1967; Nikolaev O.V. e Weinberg E.G. Insuloma, M., 1968, bibliogr.; Permyakov N.K., Podolsky A.E. e Titova G.P. Analisi ultrastrutturale del ciclo secretorio del pancreas, M., 1973, bibliogr.; Rozin D.G. Meccanismi per la correzione dell'attività pancreatica esocrina, Usp. fiziol. Sciences, n. 4, pag. 98, 1977; Saveliev B.C., Buyanov V.M. e Ognev Yu.V. Pancreatite acuta, s. 206, M., 1983; Filin V.I. Malattie acute e danni al pancreas, L., 1982, bibliogr.; Shelagurov A.A. Malattie del pancreas, M., 1970, bibliogr.

Figura. 4g). Schemi di diffrazione elettronica di diversi tipi di cellule secretorie di isole pancreatiche: cellule PP (1 - granuli, 2 - mitocondri, 3 - nucleo); × 15.000.

Figura. 8. Radiografia dell'ipocondrio destro con pancreolitiasi: 1 - numerose ombre di pietre di varie dimensioni, localizzate nella testa del pancreas; 2 - cistifellea riempita con sostanza radiopaca.

Figura. 2. Il modello di diffrazione dell'elettrone dell'acino, rappresentato da un gruppo di cellule acinose: 1 - condotto acinoso centrale; 2 - core; 3 - reticolo citoplasmatico; 4 - mitocondri; 5 - Complesso del Golgi; 6 - granuli zimogenici; 7 - membrane di cellule acinose; 8 - il lume del capillare; 9 - spazio intercapillare; × 10.000.

Figura. 14. Tomogramma calcolato della regione epigastrica per il cancro del corpo e della coda del pancreas (l'area interessata è indicata da frecce).

Figura. 5. Microaneurismi sotto forma di macchie rosse luminose sulla pelle del corpo con pancreatite cronica.

Figura. 10. Un ecogramma del pancreas con una cisti della testa di un organo: le frecce indicano una formazione eco-negativa di una forma arrotondata corrispondente a una cisti.

Figura. 6c). Benchmark utilizzati per la palpazione del pancreas: punto di Mayo-Robson.

Figura. 4a). Schemi di diffrazione elettronica di diversi tipi di cellule secretorie delle isole pancreatiche: cellule β (1 - granuli, 2 - mitocondri); × 15.000.

Figura. 13. Radiografia dello stomaco e del duodeno per carcinoma della testa del pancreas: la parte discendente del duodeno è ingrandita, ha contorni irregolari (1), l'impressione (2) creata dalla cistifellea allargata è determinata dall'esterno.

Figura. 9. Radiografia del pancreas ottenuta con pancreatocolangiografia retrograda: le frecce indicano una grande cisti nella testa del pancreas.

Figura. 11. Tomogramma calcolato della regione epigastrica del paziente con una cisti pancreatica: le frecce indicano una cisti situata nella regione della coda dell'organo.

Figura. 3. Diagramma della struttura della cellula acinosa del pancreas secondo Caso (Caso R.M.): 1 - caveola; 2 - collegamento stretto; Vacuolo a 3 strati; 4 - desmosome; 5 - membrana plasmatica; 6 - vescicola del Golgi; 7 - elemento di transizione; 8 - reticolo endoplasmatico granulare; 9 - membrana basale; 10 core; 11 - mitocondri; 12 - serbatoio del complesso del Golgi; 13 - vacuolo a condensazione; 14 - granulo secretorio; 15 - corpo multivicolare; 16 - vescicola endocitotica; 17 - cavità acinus.

Figura. 1. Diagramma della struttura del pancreas e della sua relazione con altri organi (vista posteriore): 1 - la testa del pancreas; 2 - parte orizzontale del duodeno; 3 - la parte ascendente del duodeno; 4 - digiuno; 5 - la coda del pancreas; 6 - il corpo del pancreas; 7 - arteria mesenterica superiore; 8 - vena splenica; 9 - vena portale; 10 - dotto epatico comune; 11 - dotto cistico; 12 - cistifellea; 13 - dotto biliare comune; 14 - dotto pancreatico; 15 - la parte discendente del duodeno; 16 - peritoneo.

Figura. 6b). Benchmark utilizzati per la palpazione del pancreas: zona di Hoffar.

Figura. 12. Un macrodrug pancreatico per il cancro alla testa dell'organo.

Figura. 4b). Schemi di diffrazione elettronica di diversi tipi di cellule secretorie di isole pancreatiche: cellule α (i granuli sono indicati da frecce); × 15.000.

Figura. 6a). Punti di riferimento utilizzati per la palpazione del pancreas: punto di Desjardins.

Figura. 7. Rappresentazione schematica del pancreas anulare.

Figura. 4c). Schemi di diffrazione elettronica di diversi tipi di cellule secretorie di isole pancreatiche: cellule δ (i granuli sono indicati da frecce); × 15.000.