Colonscopia intestinale

La colonscopia intestinale è un esame informativo, che consente non solo di diagnosticare lo sviluppo del processo oncologico nell'intestino crasso (che migliora la prognosi per il recupero), ma consente anche di confermare una serie di malattie (UC, morbo di Crohn, sindrome dell'intestino irritabile). L'esame colonscopico richiede preparazione, la cui qualità determinerà l'efficacia dell'esame.

Perché viene prescritta la colonscopia intestinale?

La colonscopia consente di esaminare le condizioni del tessuto mucoso del colon e nell'80-90% dei pazienti è possibile esaminare l'intestino crasso per tutta la sua lunghezza. Il medico attira l'attenzione sul colore, sul carattere della superficie, sulla lucentezza, sul modello vascolare e sulla copertura mucosa.

Durante l'esame, sono possibili varie manipolazioni mediche, ad esempio, prelevare materiale per l'esame istologico, prelevare sbavature ed eseguire raschiature dalla mucosa, rimuovere neoplasie benigne e oggetti estranei, fermare l'emorragia, ripristinare la pervietà (necessario per restringere il lume).

La colonscopia consente di identificare nelle prime fasi della neoplasia del colon, per determinare la colite ulcerosa e la malattia di Crohn. L'esame viene effettuato utilizzando un fibrocolonoscopio sottile, morbido e flessibile o una sonda ottica. Il dispositivo è dotato di una videocamera con la quale un'immagine ingrandita viene trasmessa al monitor. La registrazione della procedura consente di rivedere l'avanzamento dello studio e valutare le dinamiche del processo patologico.

Tali caratteristiche anatomiche della struttura del colon come la sua lunghezza, la presenza di curve e un maggior numero di anelli non consentono ad alcuni pazienti di esaminare completamente il colon. Inoltre, prima dello studio, è necessario pulire a fondo l'intestino dalle feci, altrimenti il ​​contenuto informativo è notevolmente ridotto. Durante la procedura, i pazienti possono provare dolore e disagio psicologico. Tutti questi fattori rendono la colonscopia del colon uno studio piuttosto complesso e che richiede tempo..

Un esame endoscopico dell'intestino è prescritto se il paziente ha i seguenti sintomi:

  • rapida perdita di peso;
  • dolore nell'addome inferiore;
  • scarico (muco o sangue) dal retto;
  • una miscela di sangue rosso vivo o muco nelle feci;
  • infiammazione cronica del tratto gastrointestinale inferiore;
  • costipazione cronica o diarrea.

Indicazioni e controindicazioni per l'esame

La colonscopia può essere una diagnosi pianificata, un trattamento pianificato e un'emergenza. Viene effettuato un esame diagnostico di routine per determinare la natura, la posizione, la prevalenza e il grado di manifestazione dei cambiamenti nei tessuti del colon.

Una procedura di colonscopia intestinale è prescritta a pazienti con l'obiettivo di:

  • confermare o stabilire una diagnosi accurata se il paziente ha segni di tumore maligno nel colon;
  • determinare la morfologia e il grado del processo tumorale in oncologia;
  • determinare la natura, l'estensione e l'estensione dei disturbi nei tessuti causati da processi infiammatori;
  • monitorare e valutare il risultato di misure terapeutiche per le malattie del colon, anche dopo il trattamento chirurgico.

La colonscopia diagnostica non è prescritta per i pazienti in cui:

  • grave insufficienza cardiaca o polmonare, ipertensione o altre malattie somatiche nelle fasi successive, in cui la procedura può causare deterioramento;
  • colite ulcerosa, morbo di Crohn, diverticolite e altre patologie che si verificano in forma grave che possono causare gravi complicazioni durante la procedura (sanguinamento, rottura della parete intestinale);
  • peritonite purulenta diffusa;
  • fistole in fase di formazione.

Se il paziente ha patologie infiammatorie acute della regione anale o perianale (ragade anale, paraproctite, trombosi delle emorroidi), un ascesso, un'infiammazione limitata del peritoneo, fistole o un periodo post-operatorio precoce, il medico prende la decisione di condurre la procedura, tenendo conto di tutti i rischi e i benefici previsti.

La colonscopia medica pianificata è prescritta nei seguenti casi:

  • c'è il sospetto dello sviluppo di un processo oncologico nel colon;
  • polipi sono stati trovati nelle sezioni prossimali;
  • durante la rettoscopia hanno rivelato polipi nel retto;
  • è stata rilevata una poliposi diffusa;
  • emorragia nel retto (il sangue nelle feci è rosso vivo);
  • una radiografia mostrava un tumore del colon;
  • colite ulcerosa, morbo di Crohn, che non procede in forma grave;
  • nell'intestino è un processo infiammatorio-distrofico e per chiarire la diagnosi è necessario condurre l'istologia dell'area interessata.

Una colonscopia terapeutica pianificata non viene eseguita se il paziente ha esacerbazione di colite ischemica, lesioni corrosive aggravate (ustioni) e vi è il rischio di perforazione, grave insufficienza cardiaca o polmonare, grave decorso della malattia di Crohn o UC. Le controindicazioni relative sono malattie della zona anale con forte dolore, primo periodo postoperatorio, disturbi mentali, grandi ernie.

In alcune situazioni, è necessaria la colonscopia di emergenza. Viene prescritto un esame per determinare le cause dell'ostruzione dell'intestino crasso, estrarre un corpo estraneo, identificare la fonte di sanguinamento e stabilirne la gravità. È possibile condurre un esame individualmente?.

Come è la rimozione di polipi

Durante la colonscopia, il campionamento è possibile per l'esame istologico. Lo studio dei campioni consente di determinare la malattia, valutare il grado di alterazioni infiammatorie. Molto spesso, la colonscopia terapeutica viene eseguita se vengono rilevate neoplasie benigne (polipi) nel colon.

Queste formazioni possono essere viste nell'immagine a raggi X (sembrano una crescita sferica, fungina o ramificata sulla gamba o su una grande crescita). Un singolo polipo viene rimosso mediante elettrocoagulazione, morso meccanico, introduzione di sclerosante nella formazione, biopsia a caldo, elettrocisione o fotocoagulazione.

Se possibile, si consiglia di utilizzare la tecnica dell'elettrocisione, poiché consente di visualizzare il campione al microscopio. Il morso meccanico può causare emorragie e bruciare il polipo (elettro- e fotocoagulazione) esclude l'esame istologico: un anello diatermico viene posto sulla crescita, quindi il circuito viene stretto un po ', provocando ischemia del tessuto e trombosi delle gambe.

Quando il ciclo viene stretto, il polipo sale sopra la mucosa intestinale e viene applicato uno scarico al ciclo. L'elettroeccisione comporta alternativamente il taglio delle gambe e la cauterizzazione. Dopo aver rimosso il polipo, uno specialista esamina il letto di istruzione e, se necessario, previene il sanguinamento e la neoplasia stessa viene rimossa e inviata al laboratorio.

Formazione

Il contenuto informativo di una colonscopia dipende direttamente dalla qualità della preparazione del soggetto per la procedura. Al fine di prevenire la flatulenza, il paziente dovrebbe escludere dalla dieta tre giorni prima della procedura tutti i prodotti che portano alla flatulenza o aumentano la quantità di feci (verdure fresche, frutta e bacche, legumi, pane integrale, verdure, carni affumicate, sottaceti, orzo perlato, avena, miglio porridge, cioccolato, latte, caffè, bevande gassate e alcoliche).

Puoi prepararti per lo studio a casa. Alla vigilia dello studio, il paziente può pranzare e cenare e, per pulire a fondo l'intestino dalle feci, deve bere 40-60 g di olio di ricino o soluzione al 25% di solfato di magnesio (magnesia) a circa 16 ore e fare 2 clisteri di pulizia a 21 e 22 ore (volume del fluido infuso 1,5 litri).

La magnesia ha un effetto lassativo, poiché aumenta la pressione osmotica nell'intestino, che porta all'accumulo di liquidi, alla diluizione del contenuto intestinale e all'aumentata motilità. Al mattino, il giorno della colonscopia, vengono somministrati altri due clisteri al paziente entro e non oltre due ore prima della procedura. Se la procedura di pulizia viene eseguita prima, non viene fornita una pulizia sufficiente e, in seguito, lo stato della mucosa cambia.

Se il paziente soffre di costipazione, viene prescritta una dieta 3-5 giorni prima dell'esame. Il divieto include verdure e frutta, erbe, patate, bacche, funghi, pane integrale, legumi e non puoi bere lassativi. Alla vigilia dello studio, gli intestini vengono puliti fino all'acqua di risciacquo pulita.

Se il paziente ha sintomi di ostruzione intestinale, l'uso di lassativi è controindicato. L'intestino viene pulito usando clisteri di sifone (la procedura richiede circa 12 litri di acqua), che viene eseguita un'ora prima dello studio. Se non ci sono controindicazioni, l'intestino può essere preparato per l'esame bevendo un lassativo.

Possono essere usati i seguenti farmaci:

  • Fortrans. Mantiene le molecole d'acqua nell'intestino, a causa delle quali aumenta il volume del contenuto intestinale e il suo progresso attraverso l'intestino è accelerato. Un sacchetto di polvere viene sciolto in un litro di acqua, questa dose è progettata per 15-20 kg di peso (se il peso corporeo è di 60 kg, è necessario bere tre litri di soluzione). Si consiglia di utilizzare il farmaco la sera prima in una sola volta o di dividere la soluzione in più parti e di berlo con un intervallo di 15 minuti;
  • Endofalk. Mantiene l'acqua nell'intestino e previene anche la formazione di gas. È necessario bere tre litri di soluzione in porzioni da 200-300 ml ad intervalli di 10 minuti la sera prima dello studio. Contiene aroma di frutta;
  • Flos Phospho-Soda. Il contenuto di due flaconcini (45 ml ciascuno) deve essere sciolto in 240 ml di acqua bollita. La soluzione deve essere lavata con 200-400 ml di acqua. Quando prendi un lassativo alla vigilia dello studio, non puoi mangiare. Le feci si verificano nell'intervallo da 30 minuti a 6 ore;
  • Lavacol. Un sacchetto deve essere mescolato in un bicchiere di acqua calda. In totale, devi bere tre litri di soluzione, cioè utilizzare 15 sacchetti. È necessario iniziare a bere 18-20 ore prima della colonscopia e bere un bicchiere di liquido preparato ogni 15-20 minuti.

Tutti i lassativi hanno controindicazioni per l'uso, quindi, prima di dare la preferenza a questo metodo di pulizia dell'intestino, è necessario consultare un medico. Fortrans e Fleos Phospho-Soda sono disponibili su prescrizione medica.

Tecnica

Convenzionalmente, i fibrocolonoscopi sono divisi in diagnostici e operativi. Quelli diagnostici variano in lunghezza introdotti nel tubo intestinale. Vengono da 65 a 175 cm. Gli endoscopi corti vengono utilizzati se è necessario esaminare solo la parte sinistra del colon e quelli lunghi per controllare l'intero colon (colonscopia totale).

Esistono colonscopi pediatrici in cui il lume del tubo arriva fino a 11 mm, con il loro aiuto è possibile eseguire la procedura anche nei bambini piccoli. La scelta dell'endoscopio è influenzata dalle caratteristiche anatomiche e funzionali del colon. Se la patologia ha causato una diminuzione del tono e un'espansione del lume intestinale, vengono utilizzati endoscopi lunghi, in cui il diametro non supera i 16 mm (il diametro normale del lume intestinale nei suoi vari segmenti va da 4 a 7 cm).

Con un forte processo infiammatorio e dopo l'intervento chirurgico, si consiglia di utilizzare endoscopi sottili e corti. Al paziente viene chiesto di sdraiarsi sul lato sinistro e di tirare le ginocchia allo stomaco. Affinché la procedura proceda senza dolore, si consiglia di rilassarsi il più possibile e respirare attraverso la bocca. L'endoscopio viene inserito nell'ano..

Per eliminare il dolore durante la somministrazione dell'apparato, l'anestesia dell'ano può essere eseguita con unguento alla dicaina, gel luan, cathegel o gel xilocaina. Il principio attivo negli anestetici è la lidocaina. Quando il colonscopio raggiunge il colon sigmoideo distale, al paziente viene chiesto di sdraiarsi sulla schiena e in questa posizione continuano ad avanzare l'apparato.

Poiché i dipartimenti dell'intestino crasso differiscono nella loro anatomia e presentano caratteristiche peculiari, lo specialista determina accuratamente la posizione dell'estremità dell'endoscopio, nonché la localizzazione e la vastità del processo patologico. Per espandere il lume intestinale e appianare le sue pieghe, l'aria viene introdotta nell'intestino, il che fa sentire il paziente gonfio.

Dopo l'esame, il gas viene rimosso dall'apparato e il disagio cessa. Per monitorare la progressione del colonscopio nelle curve fisiologiche, viene eseguita la palpazione addominale. La durata dello studio varia da 15 minuti a un'ora, a seconda delle caratteristiche anatomiche dell'intestino e della necessità di ulteriori procedure mediche.

Possibili complicazioni

Il contenuto informativo dello studio è ridotto se l'intestino crasso non è abbastanza pulito. Se le feci rimangono sulle pareti, ciò complica il controllo visivo sullo stato di avanzamento dell'apparato e impedisce un esame approfondito dell'intestino. Anche l'esame dell'intestino è difficile a causa di caratteristiche anatomiche congenite o acquisite (megacolon, aderenze, ernie, infiammazioni).

Alcuni pazienti possono avere un forte dolore quando viene tirato il mesentere. Dopo la rimozione dei polipi, possono comparire dolore addominale e febbre fino a 37,2 0 ° C.
La colonscopia può causare gravi complicazioni come sanguinamento o perforazione del colon. Per escludere l'insorgenza di tali complicanze, il medico deve monitorare attentamente l'avanzamento del dispositivo e non spingere il colonoscopio attraverso il colon.

Per escludere gravi emorragie prima della prevista rimozione del polipo, è necessario determinare il tasso di coagulazione del sangue. Se dopo l'esame ci sono debolezza, vertigini, nausea, vomito, diarrea sanguinolenta, febbre di basso grado, è necessario cercare urgentemente un aiuto medico.

Recensioni

Molti pazienti chiedono se un esame intestinale è doloroso. Le recensioni dalla procedura sono varie. Qualcuno parla di disagio psicologico, qualcuno fa davvero male e alcuni sostengono di aver provato più paura che dolore. Ecco alcune recensioni.

Se una colonscopia dell'intestino viene eseguita correttamente, questo è un esame sicuro, indolore e informativo. Non esiste un altro metodo per valutare visivamente le condizioni della mucosa intestinale senza ricorrere all'intervento chirurgico..

Colonscopia intestinale in dettaglio: preparazione e avanzamento della procedura

La colonscopia dell'intestino è un esame endoscopico, il cui scopo principale è lo studio della mucosa dell'intestino crasso. Ciò consente al medico curante che ha prescritto lo studio di effettuare in modo più accurato la diagnosi finale e regolare la terapia..

Indicazione colonscopia

Se si sospetta una qualsiasi malattia dell'intestino crasso, è necessario un esame endoscopico per valutare le condizioni della mucosa e condurre una diagnosi differenziale. Le indicazioni per la procedura sono le seguenti condizioni del paziente:

  • Dolore cronico nell'addome, principalmente nelle aree iliache;
  • Costipazione che si verifica periodicamente, che richiede un chiarimento della causa;
  • Flatulenza frequente (gonfiore);
  • Anemia da carenza di ferro (una diminuzione della conta dei globuli rossi - globuli rossi) a seguito di perdita cronica di sangue in posizione sconosciuta o anemia di eziologia sconosciuta per chiarire l'origine della condizione di carenza;
  • La presenza di sanguinamento nel tubo intestinale inferiore, si manifesta sotto forma di strisce di sangue nelle feci;
  • La presenza nella storia familiare di cancro intestinale, poliposi, malattie autoimmuni del colon (morbo di Crohn, colite ulcerosa), patologia oncologica nel colon;
  • Chiarimento della sindrome dell'intestino irritabile (per eliminare la patologia potenzialmente letale);
  • Preparazione per aiuto ginecologico chirurgico per malattie dell'utero, ovaie (in particolare malattie oncologiche per escludere la crescita del tumore);
  • Una forte perdita di peso in un breve periodo di tempo;
  • Un aumento prolungato della temperatura corporea a figure subfebriliche (37,1-37,5 ° C) senza motivo apparente;
  • Sospetto cancro intestinale;
  • Polipi sospetti nel colon.

Prima dello studio, si consiglia di condurre prima un esame radiografico, la preferenza è data all'esame con contrasto: irrigografia o irrigoscopia. Se ci sono cambiamenti nell'immagine, aumenta la necessità di chiarire la diagnosi usando i metodi di imaging: è necessaria la colonscopia.

In alcuni paesi, come Germania, Giappone, Inghilterra, lo studio è incluso nell'elenco dei necessari esami medici annuali nelle persone di età superiore ai 45-50 anni.

Controindicazioni alla colonscopia

Controindicazioni assoluteControindicazioni relative
  • Infarto miocardico acuto (necrosi del tessuto cardiaco, può apparire sindrome del dolore addominale, caratterizzata da cambiamenti nell'ECG);
  • Grave insufficienza respiratoria;
  • Grave insufficienza cardiaca;
  • Sindrome addominale acuta (caratterizzata da insorgenza improvvisa di dolore acuto nell'addome, accompagnata da febbre, presenza di leucocitosi in un esame del sangue clinico):
    • Appendicite acuta;
    • Infiammazione del diverticolo di Meckel;
    • annessite;
    • Peritonite o pelvioperitonite - infiammazione del peritoneo;
    • Perforazione del tratto gastrointestinale e rilascio di contenuti nella cavità addominale;
    • Perforazione o penetrazione di ulcera allo stomaco o ulcera duodenale.
  • Colite in forma fulminante (lo sviluppo di un processo infettivo nel tratto gastrointestinale e ulcerazione delle pareti del colon - un alto rischio di perforazione da parte dell'apparato dell'apparato endoscopico).
  • Abbondante sanguinamento intestinale (non c'è modo di valutare adeguatamente la mucosa a causa della presenza di una grande quantità di sangue e coaguli, il rischio di perforazione intestinale con apparecchiature endoscopiche);
  • Il periodo postoperatorio dopo l'intervento chirurgico sugli organi addominali (pericolo di divergenza della cucitura);
  • Condizioni generali gravi del paziente;
  • Protrusioni di ernia inguinale o ombelicale (rischio di pizzicamento o perforazione della parete intestinale durante lo studio);
  • Valvola cardiaca artificiale (possibilità di sviluppo durante lo studio dell'attacco cardiaco);
  • Infezione intestinale;
  • Disturbi del sistema di coagulazione del sangue (rischio di sanguinamento durante lo studio);
  • Infezione del tratto urinario, specialmente nelle donne;
  • Tarda gravidanza (rischio di parto prematuro);
  • Scarsa preparazione per la procedura (inaffidabilità del metodo a causa di uno squilibrio visivo);
  • Fallimento categorico del paziente.

Le controindicazioni relative non vietano la ricerca, ma indicano semplicemente un aumento del rischio o inesattezza dei risultati della ricerca. Se di vitale importanza, lo studio può essere effettuato a discrezione del medico curante.

Preparazione per la procedura

È necessario eseguire una preparazione preliminare sotto forma di dieta e pulizia del colon in modo che nulla interferisca con una buona panoramica della superficie della mucosa.

È la preparazione corretta del paziente per lo studio che è la chiave e il garante dell'affidabilità dei risultati.

Dieta

Prima dello studio, è necessario trasferire il paziente in un menu speciale.

Prodotti proibitiProdotti consentiti
  • Verdure e frutta fresche (causano un aumento della peristalsi, poiché contengono fibre);
  • Verdure (prezzemolo, aneto, lattuga, spinaci e così via);
  • Legumi (possono causare flatulenza a causa di un aumento dei processi di fermentazione nell'intestino);
  • Pane nero;
  • Carni affumicate;
  • Cibi in salamoia;
  • sottaceti;
  • Orzo perlato, miglio e farina d'avena;
  • Funghi;
  • Grasso, fritto, speziato;
  • Patatine fritte;
  • Semi di girasole;
  • Latte intero;
  • Bevande contenenti caffeina (tè, caffè);
  • Bevande gassate;
  • Bevande alcoliche.
  • Verdure bollite;
  • Zuppe su brodo vegetale;
  • Pane bianco;
  • Pesce magro;
  • Spezzatino di carne magro o bollito;
  • Uova bollite;
  • Latticini;
  • Burro;
  • Formaggio a pasta dura affumicato;
  • composte;
  • Cicoria;
  • Miele;
  • Gelatina;
  • Porridge di grano saraceno e riso.

Il giorno prima dello studio, devi rifiutare la cena (ultimo pasto prima delle 18-00), al mattino non dovresti fare colazione.

preparativi

Prima dello studio, al paziente vengono prescritti farmaci speciali, su uno sfondo di peristalsi ridotta.

MarchioCome cucinareCome usare
LavacolSciogliere un sacchetto (14 grammi - 1 porzione) in 200 ml di acqua bollita fredda.È necessario bere un totale di 3 litri di soluzione (15 bustine), 200 ml ogni porzione per tre ore 18-20 ore prima della diagnosi.
FortransSciogliere 1 bustina di medicina in 1 litro di acqua calda.1 bustina è progettata per 20 kg di peso umano. È necessario bere di notte in un bicchiere (250 ml) ogni 15 minuti, la quantità richiesta del farmaco.
Flit Phosoph SodaSciogliere una bottiglia (45 ml - 1 porzione) in 120 ml di acqua bollita fredda.Il giorno prima dello studio, la prima porzione deve essere bevuta dopo la colazione (24 ore prima della diagnosi) e la seconda dopo cena (12 ore prima della diagnosi). Assumere porzioni con due bicchieri di acqua fredda bollita, 250 ml ciascuno.
EndofalkDiluire 2 bustine in mezzo litro di acqua calda bollita, quindi aggiungere un altro mezzo litro di acqua freddaPrendi 3 litri di farmaco (6 bustine) per cinque ore 18-20 ore prima dello studio.

Pulizia dell'intestino

Se una persona rifiuta di assumere farmaci che purificano l'intestino o se il paziente ha una storia di grave costipazione, è necessario illuminare il paziente. Il clistere viene eseguito come segue:

  1. In una tazza Esmarch (clistere), disegna 1,5 litri di temperatura ambiente (25-28 ° C) di acqua.
  2. Drenare l'acqua attraverso il tubo (spremere l'aria) in modo che sia di vetro dalla punta, trasferire il tubo con una fascetta.
  3. Lubrificare la punta con vaselina.
  4. Appoggiare il paziente su un divano pre-coperto di tela cerata, sopra il quale è preferibile mettere un asciugamano.
  5. Per dare una posizione al paziente sdraiato sul lato sinistro con la gamba sinistra piegata allo stomaco.
  6. Appendere una tazza a un livello di 1,5-2 metri sopra il paziente.
  7. Diluisci i glutei del paziente con la mano.
  8. Inserire prima la punta verso l'ombelico 2-3 cm, quindi perpendicolarmente 5-6 cm (è necessario inserire un totale di 7-8 cm).
  9. Aprire la valvola sul tubo che si estende dalla tazza.
  10. Versare lentamente il contenuto della tazza Emarch nell'intestino del paziente, bloccare il tubo.
  11. Estrarre la punta stringendo i glutei del paziente.
  12. Chiedi al paziente di soffrire 15-20 minuti (può alzarsi, camminare).

Dopo che il paziente ha svuotato l'intestino, se necessario, è possibile ripetere la procedura dopo un'ora. Si consiglia di condurre la procedura prima dello studio due notti di seguito e la mattina prima della diagnosi.

Colonscopia

Dopo aver preparato con cura il paziente per una misura diagnostica, procedono alla parte principale nel gabinetto dell'endoscopia:

  1. Il paziente si spoglia sotto la vita.
  2. È adagiato su un divano sul lato sinistro, la gamba destra è piegata al ginocchio e alle articolazioni dell'anca, tirata fino allo stomaco.
  3. L'ano e l'oculare del tubo endoscopico sono lubrificati con un anestetico, il cui principio attivo principale è principalmente la lidocaina: Luan gel, Xylocaine, Cottage.
  4. Dopo 10-15 minuti, dopo l'inizio dell'azione dell'anestetico, un tubo fibroscopico, con un diametro di 9-11 mm, viene lentamente introdotto nel retto.
  5. Una moderata quantità di aria viene regolarmente fornita al lume per una migliore visualizzazione; l'oculare viene illuminato da una torcia.
  6. Il tubo viene lentamente passato attraverso l'intero colon del paziente, sotto il controllo della palpazione della parete addominale anteriore, lunghezza massima 135-145 cm.
  7. Se necessario, a discrezione dell'endoscopista, il paziente può essere girato sulla schiena o sull'altro lato per facilitare l'avanzamento dell'apparato.
  8. Durante lo studio, il medico esamina attentamente le pareti dell'intestino crasso, che vengono visualizzate sullo schermo monitor del dispositivo, se necessario, le sezioni della mucosa possono essere prese come materiale bioptico per chiarire la composizione cellulare del tessuto interessato. Inoltre, il dispositivo ti consente di rimuovere i polipi mentre ti sposti più in profondità. Forse cauterizzazione di aree di ulcerazione dell'intestino. Parallelamente, viene effettuata una registrazione, che viene trasmessa al medico curante su un disco portante.
  9. Alla fine dello studio, il gas viene rimosso dalla cavità intestinale.
  10. Il tubo viene rimosso lentamente dall'intestino crasso..
  11. Il paziente torna a casa dove ha bisogno di pace.

In media, la durata di un evento diagnostico è di circa mezz'ora. Se si esegue una biopsia o si rimuovono i polipi, la durata può aumentare fino a un'ora.

Dopo l'esame, il paziente può essere trasferito sul tavolo comune, tuttavia esiste la probabilità di un'eccessiva gassificazione della cavità intestinale, nel qual caso è necessario assumere un sorbente (carbone attivo, atoxil) e un leggero massaggio della parete addominale anteriore. Dai prodotti che possono causare flatulenza, è meglio rifiutare.

Sul dolore della procedura e indicazioni per l'anestesia

La procedura è spesso dolorosa e causa un notevole disagio. I pazienti spesso rifiutano di studiare, alla vigilia della diagnosi, alcuni hanno attacchi di panico, aumento della pressione sanguigna, tachicardia e così via. Ciò indica una maggiore emotività..

In alcuni casi, ricorrere all'anestesia generale. È mostrato nei seguenti casi:

  • bambini sotto i 12 anni;
  • pazienti con alcune diagnosi psichiatriche che possono danneggiare se stessi o il personale durante l'esame;
  • alta soglia di sensibilità al dolore del paziente;
  • malattia intestinale adesiva e presenza di stenosi (restringimento) dell'intestino (secondo i risultati dell'irrigografia) - l'anestesia generale consente di rilassare le pareti dell'intestino e i muscoli della pressa addominale, facilitando in tal modo l'avanzamento del fibroscopio.

In alcuni casi, è sufficiente condurre la sedazione 30-40 minuti prima dello studio. I principali farmaci usati sono sedativi: propafol, midazolam e così via. La coscienza viene preservata, ma una persona viene introdotta in una parvenza di sonno, mentre il dolore viene ridotto, la labilità emotiva viene eliminata.

Possibili complicazioni

Come ogni manipolazione medica, la colonscopia ha le sue complicazioni:

  • perforazione della parete dell'intestino crasso con un fibroscopio (fino all'1% dei casi);
  • infezione da infezioni (1-2% dei casi, più spesso infezioni intestinali, possibile epatite);
  • apnea - arresto respiratorio (fino allo 0,5%, il 90% dei quali è il risultato di complicanze dell'anestesia generale);
  • sanguinamento da contatto (circa lo 0,1% dei casi);
  • dolore addominale dopo lo studio (0,1% dei casi, più spesso dopo la rimozione di polipi in grandi quantità);
  • condizione subfebrilare (aumento persistente della temperatura entro 37,1-38 ° C) (circa lo 0,1%, anche dopo l'intervento chirurgico - rimozione di polipi, assunzione di materiale per biopsia).

Quali patologie possono essere rilevate?

Quando si esamina la mucosa, è possibile stabilire una diagnosi con un'affidabilità fino al 90%, che viene successivamente confermata istologicamente a causa di una biopsia eseguita durante una colonscopia.

  1. Polipi intestinali - escrescenze sulla mucosa, spesso sulla gamba.
  2. La colite ulcerosa non specifica è una malattia infiammatoria, spesso autoimmune, in cui viene rilevata ulcerazione della mucosa durante lo studio, istologicamente confermata.
  3. La malattia di Crohn è una patologia infiammatoria non specifica; viene rilevata anche l'ulcerazione sotto forma di pavimentazione di ciottoli.
  4. Cancro al colon - sullo schermo dell'apparecchiatura può apparire diverso, la diagnosi principale viene fatta sulla base della composizione cellulare della biopsia.
  5. Diverticolo nell'intestino crasso - una sorta di aneurisma intestinale, tasche formate a causa della debolezza dello strato muscolare in alcune aree.
  6. Granulomi della tubercolosi del colon - confermati dalla biopsia e dalla microscopia del materiale ottenuto dalla colonscopia.

Metodi di esame alternativi

Esistono anche misure diagnostiche alternative che possono essere utilizzate da un medico se non è possibile eseguire una colonscopia a causa di controindicazioni o se il paziente rifiuta categoricamente:

  • La rettomanoscopia è un modo meno doloroso e meno informativo, poiché un fibroscopio esamina solo una sezione del retto.
  • Irrigoscopia o irrigografia - metodo a raggi X, raccomandato prima della procedura, non informativo.
  • Risonanza magnetica con e senza contrasto: consente di identificare i processi patologici, stabilire una localizzazione accurata, ma non fornisce informazioni sulla composizione cellulare del focus.
  • Esame della capsula: deglutizione di una capsula speciale dotata di attrezzatura video. Gli svantaggi del metodo sono le grandi dimensioni della capsula (è difficile deglutire, se c'è il sospetto di una stenosi o un diverticolo c'è un rischio di inceppamento), il processo di digestione naturale allunga la misura diagnostica di 18-20 ore, non c'è modo di fare una biopsia, rimuovere i polipi e così via.

Nonostante tutti i rischi della colonscopia, è il metodo più informativo per esaminare l'intestino. Lo studio può essere non solo diagnostico, ma anche terapeutico - a causa della capacità di eseguire interventi chirurgici durante la procedura.

Colonscopia intestinale

La diagnostica di laboratorio standard non rileva molte malattie intestinali. Alcuni gravi processi patologici che si verificano nell'organo richiedono una colonscopia. Nell'articolo analizzeremo perché è necessaria questa procedura e se esiste un'alternativa.

Che cos'è una colonscopia??

La colonscopia è una moderna procedura diagnostica che viene eseguita utilizzando una sonda speciale, un endoscopio. Ciò consente al medico di esaminare l'intestino umano dall'interno. La procedura consente di valutare le condizioni dell'ano, del retto prima di entrare nel cieco, nel canale ileocecale, nell'ileo terminale.

Un colonscopio è una sonda flessibile e lunga. Alla fine c'è un oculare e una videocamera in miniatura con retroilluminazione. Completano il dispositivo pinze, che vengono utilizzate per prelevare i tessuti per un ulteriore esame, nonché un tubo per l'alimentazione di aria. La sonda viene inserita attraverso il retto. È morbido e facile da piegare, quindi si muove delicatamente su tutta la lunghezza dell'intestino senza ferirlo o causare dolore al paziente..

L'immagine della telecamera viene visualizzata sullo schermo, in modo che il medico possa valutare visivamente le condizioni dell'intestino, che è equivalente in lunghezza a 2 metri. La fotocamera scatta foto con un ingrandimento di dieci volte. Il medico esamina le mucose intestinali e ha l'opportunità di valutare tutti i suoi cambiamenti patologici.

Oltre al consueto esame dell'intestino, il medico può eseguire una serie di procedure mediche che ti consentiranno di rifiutare di eseguire l'operazione:

È possibile espandere una determinata sezione dell'intestino rimuovendo il tessuto cicatriziale.

Puoi prendere i tessuti per il loro ulteriore studio istologico.

Può rimuovere corpi estranei dall'intestino.

Un medico può rimuovere polipi e altri tumori di natura benigna..

È possibile smettere di sanguinare.

La colonscopia è uno dei metodi moderni più efficaci per diagnosticare le malattie intestinali..

Indicazioni per l'esame endoscopico del colon

Le seguenti malattie e condizioni sono indicazioni per la colonscopia:

Una persona ha più di 50 anni. In questo caso, la procedura viene eseguita a scopo preventivo, anche se una persona non presenta alcun reclamo in merito alle sue condizioni di salute. Il fatto è che il rischio di sviluppare il cancro dell'intestino distale di età superiore ai 50 anni aumenta in modo significativo e l'insorgenza della malattia è asintomatica. Pertanto, si raccomanda a tutte le persone che hanno superato il limite di età di 50 anni di sottoporsi a colonscopia una volta all'anno..

Se una persona ha una predisposizione ereditaria alla formazione di polipi nell'intestino, nonché in una storia familiare, c'erano persone che soffrivano di cancro di questo organo. A condizione che nella famiglia ci fosse un parente che aveva avuto il cancro intestinale, per scopi profilattici si dovrebbe iniziare a sottoporsi a questa procedura 10 anni prima dell'età in cui si è scoperto che questo parente aveva una patologia. Questo perché la probabilità di trasmissione della malattia a livello genetico è estremamente elevata..

I sintomi che dovrebbero allertare una persona e farla subire una colonscopia sono:

La presenza di sangue nelle feci. Sembra una striscia di scarlatto. Questo sintomo indica che c'è sanguinamento dall'intestino distale. Una situazione simile si osserva spesso con ragadi anali, con emorroidi. Inoltre, nelle feci possono essere presenti feci nascoste, che non possono essere viste ad occhio nudo. Per rilevarlo, saranno richiesti speciali test rapidi. Il sangue nascosto nelle feci può indicare la presenza di polipi, infiammazione intestinale, tumori, colite ulcerosa e morbo di Crohn.

La comparsa nelle feci di muco e secrezione purulenta. Indicano una grave malattia intestinale che richiede cure mediche di emergenza..

Anemia e ESR elevato. Se il paziente soffre di anemia cronica, che non può essere corretta con i farmaci, questa è la ragione della colonscopia.

Perdita di peso. Se una persona inizia a perdere peso senza una ragione apparente, è necessario esaminare il sistema digestivo.

La presenza di polipi nell'intestino. Tutte le neoplasie benigne nell'intestino sono soggette a degenerazione maligna, pertanto richiedono rimozione e monitoraggio sistematico in futuro.

Dolore lungo l'intestino. I dolori sordi e crampi che sono localizzati in varie parti dell'intestino richiedono una colonscopia.

Costipazione di un decorso cronico. Se una persona soffre di costipazione, se ha le feci rigide, che portano a un trauma alle pareti dell'intestino e dell'ano, ciò può causare gravi infiammazioni. Inoltre, la costipazione, di per sé, può indicare una malattia d'organo, pertanto è necessario un esame dettagliato di essa.

Le feci instabili, un cambiamento di diarrea e costipazione, la sindrome da malassorbimento possono essere segni di sindrome dell'intestino irritabile, quindi a questi pazienti viene prescritta una colonscopia.

Indicazioni di emergenza per l'esame endoscopico del colon

Una colonscopia di emergenza non è un obiettivo preventivo, ma terapeutico. Viene eseguito quando il paziente necessita di cure di emergenza..

Queste situazioni includono:

Ostruzione intestinale, sua stenosi. La violazione può svilupparsi sullo sfondo di varie malattie, nonché dopo l'intervento chirurgico.

Sanguinamento dall'intestino, inclusa la diverticolosi. Durante la procedura, è possibile identificare il focus dell'infiammazione ed eliminarlo.

La presenza nell'intestino di un corpo estraneo.

Controindicazioni

La colonscopia si riferisce a metodi diagnostici meno traumatici, ma ha una serie di controindicazioni, in cui la procedura non può essere eseguita.

Condizioni di shock con un calo della pressione sanguigna inferiore a 70 mm. Hg. st.

Infezioni respiratorie acute, infiammazione del sistema respiratorio, accompagnata da febbre.

Infezioni intestinali nella fase acuta.

Disturbo della coagulazione del sangue.

Morbo di Crohn, colite acuta con grave malattia intestinale.

Diverticolite nella fase acuta.

Gravi problemi di salute umana.

Inoltre, ci sono controindicazioni relative alla procedura:

Sanguinamento anale massiccio.

Lo stadio acuto delle emorroidi.

Il periodo in cui nasce un figlio.

La presenza di una grande ernia.

Periodo di recupero precoce dopo aver subito un intervento chirurgico addominale.

Scarsa preparazione per la pulizia dell'intestino, ecc..

I medici dovrebbero valutare seriamente i possibili rischi di una colonscopia, se il paziente ha le seguenti malattie e condizioni:

Allergia al farmaco.

Trattamento con farmaci che influenzano i processi di coagulazione del sangue.

Il medico deve essere consapevole dei farmaci che il paziente sta ricevendo. Potrebbe essere necessario rifiutarli e, dopo la procedura, riprendere la loro ricezione.

Video: vivere alla grande! "Colonscopia: cos'è questa procedura e chi deve sottoporsi?":

Preparazione alla colonscopia

La preparazione per una colonscopia inizia pochi giorni prima della procedura. Una persona dovrà seguire una certa dieta e prendere misure per purificare l'intestino.

2-3 giorni prima dello studio, è necessario passare a una dieta non di scorie. Dal menu rimuovi verdure, noci, carne, frutta, dolci, cereali. 20 ore prima della procedura, puoi bere solo acqua e tè poco preparato.

Per ottenere la maggior parte delle informazioni, è necessario rimuovere le feci dall'intestino. Per questo, al paziente viene dato un clistere o vengono prescritti farmaci speciali, ad esempio Fortrans, Lavacol, ecc. Iniziano a essere assunti un giorno prima della colonscopia imminente..

Quanto più attentamente il paziente segue le raccomandazioni del medico, tanto più informazioni il medico sarà in grado di ottenere sulle condizioni dell'intestino:

Dall'assunzione di carbone attivo, preparati di ferro e farmaci che diluiscono il sangue, è necessario rifiutare 10 giorni prima della procedura.

Se il paziente ha una valvola cardiaca artificiale, quindi prima dello studio deve assumere un farmaco antibatterico. Ciò ridurrà la probabilità di sviluppare endocardite..

Alla vigilia dello studio, puoi prendere un antispasmodico, ad esempio No-shpu o Dycetel. Tuttavia, questo può essere fatto solo dopo un consulto medico..

I medici raccomandano di rifiutare i FANS e i farmaci per fermare la diarrea, ad esempio Imodium o Lopedium.

Procedura di colonscopia

Una persona che avrà una colonscopia per la prima volta sarà interessata alle fasi della procedura.

Avendo queste informazioni in servizio, puoi prepararti per la ricerca più semplice possibile:

Il paziente si trova sul divano alla sua sinistra e preme le ginocchia allo stomaco.

Il medico tratta l'ano con un antisettico e inserisce una sonda al suo interno. L'anestesia non viene utilizzata. Se il paziente ha un'alta soglia di sensibilità al dolore, è possibile utilizzare anestetici locali per alleviare il dolore. Può anche essere eseguita la sedazione, ma riduce il valore diagnostico della procedura. Il dolore severo può verificarsi solo se una persona ha un'infiammazione acuta dell'intestino o sono presenti aderenze. In questo caso, è indicata l'anestesia per un periodo di mezz'ora..

Dopo l'anestesia, il medico inserisce la sonda nell'ano e la fa avanzare lentamente. Per raddrizzare le pieghe dell'intestino, l'aria viene fatta passare attraverso il tubo.

La sonda viene fatta avanzare in profondità nell'intestino di 2 metri. Per tutto questo tempo, il medico valuterà le condizioni delle pareti interne dell'organo.

La procedura dura 20-30 minuti. Lo studio non può essere definito piacevole, quindi viene spesso praticato in anestesia generale..

Ricerca aggiuntiva

Durante la procedura, il medico può rilevare cambiamenti patologici nella mucosa degli organi, nei polipi e nelle neoplasie. In questo caso, esegue una biopsia. Con l'uso di una pinza speciale, che fa parte dell'endoscopio, il medico esegue la recinzione mediante cambio di tessuto.

Prima di eseguire una biopsia, viene somministrato un anestetico locale attraverso il tubo dell'endoscopio. Quindi, con una pinza, il medico taglia una piccola area di tessuto malato e lo estrae. Inoltre, durante una colonscopia, il medico può rimuovere piccoli polipi e singoli tumori. In questo caso, il medico non utilizza una pinza, ma un dispositivo speciale che ricorda un cappio. Con esso, il medico afferra la crescita alla base e la interrompe.

Possibili complicazioni e conseguenze indesiderabili

La colonscopia è un metodo diagnostico sicuro, ma un professionista dovrebbe.

Le complicazioni sono rare, ma sono possibili..

Questi includono:

Perforazione della parete intestinale. Ciò non si osserva più spesso rispetto all'1% dei casi.

Gonfiore, che passa dopo un breve periodo di tempo.

Sanguinamento intestinale, che si sviluppa nello 0,1% dei casi.

Arresto respiratorio dovuto all'introduzione dell'anestesia. Succede in circa lo 0,5% dei casi.

Dopo l'escissione di polipi in un paziente, la temperatura corporea può salire a segni subfebrilici. Per 1-2 giorni, il dolore addominale può disturbare.

Se una persona sviluppa i seguenti sintomi dopo una colonscopia, dovrebbe consultare immediatamente un medico:

Si sviluppa la diarrea, in cui si osservano impurità nel sangue.

Colonscopia e diagnosi delle malattie

La colonscopia consente di valutare le condizioni dell'intestino dall'interno, esaminare le sue mucose, valutare il tono e altri indicatori. La procedura in alcuni casi consente di rifiutare di eseguire un intervento chirurgico sulla cavità addominale. Durante la sua condotta, i polipi possono essere rimossi, viene eseguita una biopsia dei tessuti alterati per la loro ulteriore indagine..

Malattie che richiedono una colonscopia:

Malattia diverticolare. Con la diverticolosi si osserva la sporgenza della parete intestinale. I diverticoli stessi assomigliano a "sacchetti". Tradotto dal latino, questo termine significa "strada verso il lato". In queste sacche, le feci si accumulano e ristagnano, il che porta allo sviluppo dell'infiammazione. Nel tempo, la parete intestinale diventa più sottile, danneggiata, il che porta allo sviluppo di sanguinamento e persino alla sua perforazione. Inizialmente, la malattia procede senza sintomi evidenti, oltre l'80% dei pazienti non è nemmeno a conoscenza del suo sviluppo. L'ecografia per la diverticolosi non fornisce le informazioni necessarie. La patologia può essere rilevata mediante colonscopia, TC o irrigoscopia..

Polipi e poliposi. I polipi sono neoplasie benigne che hanno la capacità di degenerare. Tali tumori sono soggetti a rimozione e ulteriore studio. I polipi molto spesso non si mostrano, sebbene possano sanguinare. Quando raggiungono grandi dimensioni, una persona ha dolore addominale.

Se al paziente viene diagnosticata una poliposi familiare, accompagnata dalla comparsa di un gran numero di tumori, può essere richiesta la resezione di una parte dell'intestino. I polipi possono essere visualizzati durante una risonanza magnetica o una TAC. Tuttavia, solo con l'aiuto della colonscopia il medico può rimuoverli o prendere parte del tumore per un ulteriore esame istologico.

Ulcere. La colonscopia può rilevare anche le più piccole aree di danno alla mucosa intestinale.

Cancro al colon Il cancro del colon è al terzo posto a causa della mortalità tra le altre malattie oncologiche. Le cause della comparsa di tumori possono essere identificate solo in 1/4 dei pazienti. A rischio sono i pazienti con una predisposizione ereditaria. Se il tumore ha un decorso in corso e dà metastasi al fegato, nei prossimi 5 anni non sopravviverà più dello 0,1% dei pazienti. Quando viene rilevato un tumore al 3 ° stadio di sviluppo della soglia di sopravvivenza a cinque anni, non più di 1/4 delle persone raggiungono.

Se viene rilevato un tumore in una fase iniziale di sviluppo, la prognosi è spesso favorevole. Pertanto, il rilevamento del cancro di primo grado consente di salvare la vita del 93% dei pazienti. La colonscopia può rilevare adenocarcinomi e altri tumori nelle prime fasi dello sviluppo, eseguire una biopsia e persino rimuoverne alcuni. La procedura viene eseguita utilizzando un elettrodo ad anello.

Colite ulcerosa non specifica. Con questa malattia si osserva un'infiammazione della parete intestinale. È coperto di ulcere che sanguinano, il pus viene secreto da loro. Il decorso lieve della patologia è caratterizzato da arrossamento della mucosa intestinale, su di essa sono visibili erosione e siti di ulcerazione isolati. Il modello vascolare è debole.

Il decorso grave della patologia è caratterizzato dalla presenza di un gran numero di ulcere e aree di necrosi. Molto pus e muco si trovano nel lume intestinale, ci sono aree di emorragia, possono formarsi pseudo-polipi e ascessi. Tutti i cambiamenti patologici possono essere rilevati durante la colonscopia..

Morbo di Crohn. La malattia è caratterizzata da dolore addominale, grave diarrea, comparsa di ragadi anali. La parete intestinale è ispessita, ricorda l'aspetto di un "pavimento di ciottoli". Queste aree si alternano a zone di ulcerazione, con tessuto cicatriziale e fistole. La malattia di Crohn può essere diagnosticata con colonscopia.

Tubercolosi intestinale La tubercolosi intestinale si sviluppa nel 70% dei pazienti con tubercolosi polmonare. I micobatteri entrano nell'intestino dal sistema respiratorio. La diagnosi è ridotta a test di laboratorio con un campione di tubercolosi, una radiografia dell'intestino e una colonscopia con una biopsia dei suoi tessuti.

Blocco intestinale. La colonscopia consente di chiarire la natura dello sviluppo dell'ostruzione intestinale. Con un colonscopio, i corpi estranei possono essere rimossi dall'organo..

Colite cronica Nella colite cronica si osserva un'infiammazione del rivestimento interno dell'intestino crasso. Subisce processi distrofici. Se la malattia ha un decorso avanzato, le pareti dell'organo soffrono di atrofia.

I pazienti lamentano dolore addominale, feci turbate, nausea e perdita di appetito.

La colonscopia consente di rilevare le seguenti varietà della malattia:

Tiflite: danno al cieco.

Sigmoidite: danno al colon sigmoideo.

Proctosigmoidite: danno al retto e al colon sigmoideo.

Transversite: danno al colon trasverso.

Colite totale - una lesione globale del colon.

Malattia coronarica L'ischemia e la necrosi dei tessuti intestinali possono svilupparsi in varie malattie. Questi includono lesioni vascolari aterosclerotiche, vasculite, patologie vascolari. La colonscopia può essere eseguita secondo rigorose indicazioni mediche, quando lo stadio acuto della malattia è passato. Durante la procedura, il medico rileverà chiazze cremisi sulla parete intestinale, ulcere, emorragie, stenosi.

Amiloidosi. Con l'amiloidosi, l'amiloide si accumula nelle pareti intestinali. Questo è espresso da dolore addominale, ostruzione intestinale, costipazione, sanguinamento può svilupparsi. Se le parti distali dell'organo sono interessate, è necessaria una colonscopia con una biopsia dei tessuti alterati. L'amiloide verrà rilevato in essi..

Colite pseudomembranosa. La colite pseudomembranosa si sviluppa sullo sfondo di un trattamento prolungato con antibiotici. In questo caso, nell'intestino saranno visibili placche convesse con una tonalità giallastra. Sono un accumulo di fibrina, globuli bianchi ed epitelio morto.

Diverticulums. Le formazioni sacculari possono formarsi in una persona durante la vita o possono esistere dalla nascita sullo sfondo del tessuto connettivo debole. Con la malattia, una persona si lamenta di dolore addominale, diarrea e aumento della formazione di gas. La colonscopia viene eseguita solo dopo che la malattia ha superato la fase acuta..

Alternativa alla colonscopia

La diagnostica ha una serie di tecniche che, in alcuni casi, ti consentono di abbandonare una colonscopia. Sono disponibili per l'implementazione, non causano disagio nei pazienti, ma il loro contenuto informativo varia.

Irrigoscopy. Questo metodo iniziò ad essere utilizzato negli anni '60 del secolo scorso. Durante la procedura, l'intestino viene riempito con aria o con un mezzo di contrasto, che è visibile ai raggi X (per questo viene usato il bario). Quindi il medico scatta una foto su una macchina a raggi X..

Lo stadio di preparazione all'irrigoscopia non differisce dalle misure preparatorie effettuate durante la colonscopia. Molto spesso, tale studio è prescritto a pazienti che sospettano un allungamento congenito del colon sigmoideo (dolicosigma).

Una persona dovrà purificare l'intestino, seguire una dieta in modo che lo studio sia il più informativo possibile. Durante la procedura, il paziente viene iniettato nell'intestino con un dispositivo speciale che ricorda un clistere. Con il suo aiuto, il lume dell'organo viene riempito con mezzo di contrasto, dopo di che viene scattata la prima foto. Il paziente dovrà cambiare più volte la posizione del corpo per liberare l'intestino da tutti i lati.

MRI La risonanza magnetica può essere eseguita come metodo ausiliario di esame, poiché è difficile valutare lo stato interno dell'intestino con il suo aiuto.

La risonanza magnetica utilizzando un mezzo di contrasto consente di studiare qualitativamente le condizioni dell'intestino tenue, di rilevare tumori, polipi e aree di infiammazione presenti in esso. Tuttavia, lesioni minori delle pareti dell'organo non possono essere visualizzate..

Sigmoidoscopia. Questa procedura consente di esaminare la parte inferiore dell'intestino crasso. Per fare ciò, utilizzare il dispositivo sotto forma di un tubo metallico che eroga aria e ha una torcia. Viene inserito nel retto e nel colonscopio..

Usando questo tubo, puoi non solo esaminare le condizioni dell'intestino, ma anche cauterizzare le neoplasie esistenti, eseguire la raccolta di tessuti alterati, rimuovere i polipi, interrompere l'emorragia minore.

Le controindicazioni alla sigmoidoscopia sono simili alle controindicazioni disponibili per la colonscopia. Prima della procedura, è necessario seguire una dieta e purificare l'intestino.

TAC. La tomografia computerizzata è una delle alternative di colonscopia più informative. La procedura consente di valutare le condizioni dell'intestino senza introdurre ulteriori dispositivi nel corpo del paziente.

Con la TC, il medico esegue una serie di fotografie a strati dell'organo, che consente al medico di identificare un sito patologico o un tumore. Tuttavia, il medico non sarà in grado di eseguire una biopsia. Pertanto, se sospetti un processo canceroso, dovrai condurre una colonscopia.

Durante l'attuazione della procedura, il paziente viene adagiato su un tavolo e un tomografo ruota attorno a lui. Il dispositivo raccoglie i raggi X che attraversano i tessuti del corpo. I dati ricevuti vengono elaborati e vengono convertiti in un'immagine che il medico sta studiando..

Colonscopia virtuale. Questo studio è una moderna alternativa alla TC. Utilizzando un programma speciale, sul monitor viene visualizzata un'immagine 3D dell'intestino. In questo caso, il paziente non ha bisogno di eseguire anestesia o sedazione.

Questo metodo ha un inconveniente significativo: durante la sua attuazione, il medico non può eseguire una biopsia dei tessuti bassi o eseguire alcuna manipolazione con l'organo.

Inoltre, il tomografo non rileverà piccoli polipi (fino a 5 mm di diametro) e tumori piatti.

Esame endoscopico (esofagogastroduodenoscopia, EFGDS). Questa procedura hardware è implementata usando un probe. Il metodo consente di valutare le condizioni dell'intestino tenue, dell'esofago e dello stomaco. È prescritto per sospetti processi ulcerativi nel tratto digestivo. Se vengono rilevati polipi o tumori, è possibile eseguire una biopsia..

Esame della capsula dell'intestino. Questo è un moderno metodo diagnostico per esaminare l'intestino, che è stato sviluppato in Israele. A un paziente a stomaco vuoto viene offerto di prendere una capsula che ha una videocamera. Prima della procedura, un dispositivo speciale è collegato al paziente, che registrerà. La capsula si muove naturalmente lungo gli organi digestivi, dopo di che viene escreta insieme alle feci. Se l'intestino si contrae debolmente o ci sono aree di restringimento, utilizzare una capsula con un microchip.

Dopo essere caduto in un'area stretta, la capsula si dissolve e il microchip viene fissato nell'area problematica. Quindi viene escreto.

Questo è un metodo semplice e informativo, ma costoso per esaminare l'intestino. Non richiede al paziente di apportare modifiche allo stile di vita..

ultrasuono L'ecografia è il metodo di esame più comodo. Gli intestini sono valutati dalle onde ultrasoniche..

Il paziente dovrà sdraiarsi sul tavolo e il medico in questo momento guida il sensore sulla pelle dell'addome.

A volte la procedura viene eseguita usando il contrasto. L'ecografia viene eseguita prima senza un mezzo di contrasto, quindi con esso e la terza volta dopo che è stata rimossa.

L'ecografia può essere eseguita utilizzando una sonda endorettale, che viene inserita nel retto. Il metodo è indicato per il sospetto carcinoma intestinale..

Video: Maryana Abricova - Il chirurgo coloproctologo ti dirà come sostituire la colonscopia:

Colonscopia durante la gravidanza

A volte la colonscopia è raccomandata per le donne in posizione. La gravidanza non è una controindicazione assoluta allo studio, ma il motivo della sua nomina dovrebbe essere convincente.

Il fatto è che la procedura può causare alcune complicazioni, tra cui:

Tono uterino.

Cervice uterina.

Carenza di ossigeno nel feto, ecc..

Pertanto, gli esperti insistono nel sottoporsi a una colonscopia solo se ci sono indicazioni vitali per questo e non ci sono altre alternative oltre alla chirurgia addominale.

Ad esempio, una colonscopia può essere prescritta alle donne che avevano già sofferto della malattia di Crohn o della colite ulcerosa prima della gravidanza e la diarrea si è sviluppata nelle prime fasi della gravidanza. I medici possono sottoporsi a colonscopia per distinguere un disturbo intestinale funzionale da una ricaduta della malattia..

Per non danneggiare la salute del bambino e non provocare un aborto, l'anestesia endovenosa non viene somministrata a una donna, limitata all'anestesia locale.

Colonscopia nei bambini

La colonscopia può essere assegnata a un bambino. Le indicazioni per la procedura sono le stesse dei pazienti adulti.

Tuttavia, lo studio ha una serie di caratteristiche distintive, tra cui:

È necessario un aggiustamento della dose di un lassativo, che viene assunto prima della procedura.

L'endoscopio per bambini ha un diametro più piccolo.

La procedura viene eseguita in anestesia generale..

Dopo la ricerca, il bambino dovrebbe rimanere sotto controllo medico per diverse ore..

I bambini hanno bisogno di anestesia generale. Viene eseguito da tutti i piccoli pazienti che non hanno raggiunto l'età di 12 anni. Il farmaco viene somministrato per via endovenosa. L'anestesia con maschera viene scartata, poiché può influenzare la contrattilità dell'intestino e distorcere i risultati.

La colonscopia è prescritta per i neonati nel caso in cui si sospetti che il bambino abbia anomalie nello sviluppo dell'intestino o malattie ereditarie, nonché ostruzione del tratto intestinale. In questo caso, il bambino non ha bisogno di assumere Fortrans o altri farmaci lassativi. La procedura per i bambini viene eseguita in anestesia generale.

Video: la chirurgo-coloproctologa Maryana Abricova risponde alle domande sulla colonscopia:

Autore dell'articolo: Bykov Evgeny Pavlovich | Oncologo, chirurgo

Formazione scolastica: si è laureato presso il "Centro scientifico oncologico russo intitolato a N. N. Blokhin "e ha conseguito un diploma nella specialità" Oncologo "